Dal 18 al 20 ottobre l’universo gastronomico italiano si riunisce in quattro prestigiosi hotel della cittadina siciliana. In programma degustazioni, cooking show e aperitivi d’autore. Ma si parlerà anche della partecipazione della Sicilia all’Expo, dove l’Isola s’impegna a rappresentare l’area mediterranea portando il suo contributo nel tracciare il futuro del vino.
Pubblicità

Anche la Sicilia è pronta per l’Expo, dove porterà il suo contributo nel tracciare il futuro del vino. Nel frattempo, dal 18 al 20 ottobre Taormina si trasforma in una capitale del gusto, ospitando oltre cento aziende vinicole in arrivo da tutta la Penisola e dal panorama internazionale. E si parlerà anche di obiettivi e buoni propositi in vista della trasferta meneghina; il primo forum è in programma per la mattinata di sabato 18 ottobre al Grand Hotel Timeo, dove protagonisti del mondo agroalimentare e turistico si incontreranno alla presenza dell’assessore regionale all’agricoltura Paolo Reale per fare il punto sulla partecipazione della Sicilia all’Expo, sul suo ruolo, le prospettive e i risultati attesi nell’ottica di promuovere il settore enogastronomico e le filiere d’eccellenza dell’Isola, chiamata a rappresentare l’intera area del Mediterraneo.

Il secondo appuntamento si terrà lunedì 20 ottobre e concentrerà il dibattito sul futuro del vino, analizzando gli scenari macroeconomici connessi al mercato di un settore così rilevante per l’economia italiana. Parteciperà Denis Pantini, project leadear di Wine Monitor, iniziativa sviluppata da Nomisma. Gli incontri saranno aperti a tutti coloro che vorranno assistere, fino ad esaurimento posti.
Ma cosa succederà fuori? Per tre giorni Taormina accoglierà produttori, viticoltori, ristoratori e artigiani del gusto per dare vita a un calendario di degustazioni – una ventina di appuntamenti suddivisi nelle tre giornate – cooking show, seminari e laboratori, ospitati all’interno di quattro importanti hotel della città (Villa Diodoro, Gran Hotel San Pietro, Gran Hotel Timeo e Hotel Imperiale). Grande attenzione sarà rivolta all’universo del vino, con banchi d’assaggio allestiti per la degustazione delle migliori etichette delle cento cantine attese dall’Italia e dall’estero e degustazioni verticali dedicate ad alcuni grandi vini.
Quattordici i cooking show in programma (concentrati al Grand Hotel San Pietro) con la partecipazione di volti noti del panorama gastronomico e rappresentanti della cucina d’autore siciliana, chiamati a raccolta dal giornale online Cronache di Gusto, che per il secondo anno si occupa dell’organizzazione dell’evento. Arriveranno sull’Isola anche Fabio Picchi, patron carismatico del Cibreo di Firenze, Andrea Ribaldone, Alessandro Pipero (per presentare il mestiere del ristoratore), Giancarlo Perbellini. Sulla terrazza Il Giardino degli ulivi saranno invece di scena gli aperitivi d’autore di Raffaele Caruso e Emanuele Fioretti.

Taormina Gourmet | Grand Hotel Timeo, Grand Hotel San Pietro, Villa Diodoro, Hotel Imperiale; Taormina | Dal 18 al 20 ottobre | Per informazioni e programma completo www.taorminagourmet.it

Pubblicità