Il rapporto Iwsr sulle vendite aeroportuali vede l'Europa in risalita. Bene i mercati di Africa e Medio Oriente, coi Paesi del Golfo Persico che proseguono la loro rapida espansione.
Pubblicità

Prosegue la crescita delle vendite mondiali di vino e alcolici nel comparto del travel retail & duty free, che nel 2012 ha raggiunto quota 29,1 milioni di casse, con un aumento del 4% sull’anno precedente. Secondo quanto rileva l’Iwsr (International wine & spirits research), per il settore del vino le vendite complessive sono cresciute di meno rispetto a quelle degli spirits: +1% contro un +5,2%; vermouth e vini fortificati sono segnalati in calo, buone le vendite di vini spumanti e frizzanti (Champagne incluso). A livello territoriale, è l’Europa a registrare nel retail aeroportuale la migliore performance assoluta in volumi, con un aumento di 431mila casse, grazie all’incremento dei viaggi verso l’Europa centro-orientale che, secondo l’Iwsr, ha compensato la diminuzione degli spostamenti verso le destinazioni dell’Europa meridionale e occidentale. In calo, tuttavia, il mercato più importante del settore duty free: quello dei paesi nordici. Medio Oriente e Africa registrano la più forte crescita percentuale, con un +13,7% in un anno, grazie alla ripresa del mercato turistico nella zona del Nord Africa, dopo il calo dovuto ai ben noti disordini civili del 2011. Prosegue la crescita delle vendite legate ai viaggi nell’Africa sub sahariana, così come l’espansione veloce della zona del Golfo Persico.
Cresce del 4,2% in volumi la macro zona Asia/Pacifico, grazie all’aumento degli spostamenti di viaggiatori tra i due continenti. Bene il Nord America, con un +1,9% di vendite. Mentre il mercato dell’America Latina è stato rallentato dal calo del Brasile, che è il più grande mercato duty free del Sud America. Il whisky resta il prodotto più venduto nel settore travel (+472mila casse nel 2012), seguito dalla vodka, che registra una crescita a due cifre in Russia, Ukraina e Est Europa.

LINK:
www.iwsr.co.uk