8 Apr 2016 / 09:04

L’alta cucina italiana. I reportage degli allievi

Gli allievi del Master del Gambero Rosso e della Scuola Romana di Fotografia insieme per realizzare dei bellissimi food reportage.

L’alta cucina italiana. I reportage degli allievi

Gli allievi del Master del Gambero Rosso e della Scuola Romana di Fotografia insieme per realizzare dei bellissimi food reportage.

 

Imparare a raccontare l’alta cucina italiana per diventare professionisti del food reportage: è il progetto che coinvolge gli allievi della Città del gusto di Roma e della Scuola Romana di Fotografia e Cinema.

La sede romana del Gambero Rosso ospita in questi mesi grandi nomi della gastronomia italiana: da Moreno Cedroni a Iginio Massari, passando per Alfonso Iaccarino e Iside De Cesare. Un’occasione unica per gli studenti dei corsi professionali, che possono apprendere tecniche e segreti direttamente dalle sapienti mani dei maestri.

Ma l’emozione è palpabile anche fra gli allievi del XIV Master in Comunicazione e Giornalismo Enogastronomico del Gambero Rosso e quelli del III Master della Scuola Romana di Fotografia e Cinema: la palestra d’eccezione della Città del Gusto è stata creata anche per loro.

I Food writer e i fotografi del futuro sono infatti “messi alla prova” con la realizzazione dei primi lavori di reportage che raccontano le lezioni d’autore degli chef: perché la  grande cucina italiana ha bisogno di grandi storie e imparare a raccontarla è fondamentale per i professionisti di domani.

Il food reportage, infatti, sta acquisendo un peso sempre maggiore, sfidando il costante calo che si registra nei settori dell’editoria italiana. Come ha spiegato Carla Magrelli che, insieme a Rossella Fantina e Camilla Carrega Bertolini, coordina il progetto:

“Ormai il food è diventato uno status symbol e la fotografia che lo rappresenta una icona. Anche nella nostra scuola, durante il corso di still life il food è il più fotografato. Per questo è importante formare coloro che domani saranno chiamati a raccontare questo mondo da veri professionisti”.

Il progetto mette insieme due esigenze di formazione: da un lato quella legata alla competenza e alla professionalità dei futuri chef e pasticceri formati dal Gambero Rosso, dall’altro quella legata all’esigenza di un racconto che metta in luce gli aspetti più innovativi e creativi della cucina italiana.

I lavori realizzati dai giovani allievi delle due scuole non sono rimasti chiusi fra le vetrate delle grandi cucine della Città del gusto di Roma: il mensile e sito del Gambero Rosso, infatti, hanno già dato spazio al racconto della prima parte delle lezioni.

“Sul numero di marzo del Gambero Rosso sono state dedicate otto pagine a questa esperienza – ha spiegato Carla Magrelli - A breve uscirà un altro resoconto dei tre giorni passati con i grandi della pasticceria e, per finire, avremo una terza uscita sul giornale dedicata ai menù completi. Inoltre, ci apprestiamo a preparare un meraviglioso evento con una mostra fotografica che racchiude tutto il meglio dei lavori svolti”.

La mostra, prevista per maggio, sarà allestita nelle sedi della Città del gusto di Roma. Inoltre diventerà un percorso itinerante che toccherà tutte le scuole del Gambero Rosso: Da Milano a Napoli, passando per Catania e Lecce.

I REPORTAGE DELLE LEZIONI CON I GRANDI CHEF E PASTICCERI


a cura di Francesca Fiore
allieva del Master in Comunicazione e Giornalismo Enogastronomico del Gambero Rosso

foto di apertura di Federica Leone

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Città del Gusto - Roma

La Città del gusto di Roma ha sede a Monteverde, vicino a Villa Pamphili, in uno spazio sviluppato in più edifici per un totale di 3800 mq.

 

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition