20 Lug 2011 / 14:07

Trapizzino al piatto, ecco le tapas romane

Finalmente! Primo, il trapizzino - quella golosissima invenzione di Stefano Calligari di Sforno - arriva al tavolo. Secondo, anche la capitale ha le sua tapas di cucina romanesca dura e pura (quella che farcisce il trapizzino, appounto). Ha aperto da pochissimi giorni

http://med.gamberorosso.it/media/2011/07/282487_web.jpeg

Finalmente! Primo, il trapizzino - quella golosissima invenzione di Stefano Calligari di Sforno - arriva al tavolo. Secondo, anche la capitale ha le sua tapas di cucina romanesca dura e pura (quella che farcisce il trapizzino, appounto). Ha aperto da pochissimi giorni

"_blank">Tonda, la nuova pizzeria firmata dagli Sforno's Boys (Stefano, all'impasto, e Antonio Pratticò a tutto il resto) a Roma, sulla Nomentana all'altezza di piazza Sempione (in quel dedalo di ciuzze che fanno da reticolo tra via Val Trompia e via Valsolda).

 

 

Novità: i trapizzini in formato ridotto arrivano a tavola come antipasti. "Li voglio mettere tutti in carta, con dentro tutte le preparazioni tipiche della cucina romanesca" sorride Stefano. Il che significa che ci sarà quello alla picchiapò, con la coda, con la lingua, con le polpette, con la trippa... Insomma, un modo di fare un vero e proprio giro panoramico dentro alla tradizione gastronomica popolare capitolina. Col vantaggio che le dimensioni sono accettabili anche a tentare quattro o cinque assaggi e con la certezza che le preparazioni son tutte molto corrette. 

 

 

Altra novità: la pizza a rosetta, per rendere omaggio a uno dei pani più popolari in città. "Sto cercando il modo di adattare alla pizza lo stampo per la rosetta - sorride Stefano - ma la cosa è quasi fatta!". Così si quadrerà anche il cerchio tra mortadella, pizza romana e rosetta!

Quello che colpisce è la vivacità del locale, la sua fresca semplicità fatta di colori e arredo semplice. Una pizzeria di quartiere (se non stanno sotto le terrazze delle case e in luoghio dove è difficile parcheggiare, non sono contenti! vedi Cinecittà con Sforno...) ma anche un evidente tentativo di lanciare un format: lo si capisce subito guardando l'insegna, il logo scelto e l'immediatezza quasi universale del messaggio. E in effetti questo era un po' il chiodo fisso di Stefano: dare una dimensione non solo localistica ai suoi impasti, pizze, trapizzini, rosette o fritti che siano; testare una dimensione più ampia, sperimentare un format esportabile. E qui sembra quasi di esserci: è una prova, un piccolo test, ma significativo. Un locale piacevole che vedresti anche al Greenwich o a Glasgow, a Shangai o a Deli...

Beh, intanto godiamocelo al Nomentano... E buona fortuna ai naviganti!

ps. pizza, supplì e tutto il resto sono ottimi, sempre firmati dal solito Sforno. Unica variabile: la messa a punto del nuovo forno, una sorta di F1 che viene direttamente dalla patria (Campana) della pizza e che ancora mette a dura prova le capacità di Stefano e di Kabir, il simpatico pizzaiolo che da anni affianca gli Sforno's Boys nelle loro avventure.

 

 

Tonda

via Valle Corteno, 31

tel. 06 8180 960

Roma

www.tondatonda.com

 

 

Stefano Polacchi
20/07/2011

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition