26 Apr 2018 / 14:04

A Firenze apre The Student Hotel: skybar e ristorazione a cura di La Menagere. Ostello con cucina (e museo) anche al Castello di Santa Severa

Due realtà molto diverse, due progetti di ospitalità ideati sulle esigenze di un pubblico trasversale, con tanti servizi da offrire. A Firenze debutta il primo Student Hotel d'Italia: numeri e intenti sono molto ambiziosi, ristorante e skybar vedono la collaborazione con La Menagere. Sul litorale laziale, invece, si punta su storia, paesaggio e prodotti del territorio, nel nuovo ostello della rocca di Santa Severa, con la proposta del Med Café. 

A Firenze apre The Student Hotel: skybar e ristorazione a cura di La Menagere. Ostello con cucina (e museo) anche al Castello di Santa Severa

Due realtà molto diverse, due progetti di ospitalità ideati sulle esigenze di un pubblico trasversale, con tanti servizi da offrire. A Firenze debutta il primo Student Hotel d'Italia: numeri e intenti sono molto ambiziosi, ristorante e skybar vedono la collaborazione con La Menagere. Sul litorale laziale, invece, si punta su storia, paesaggio e prodotti del territorio, nel nuovo ostello della rocca di Santa Severa, con la proposta del Med Café. 

 

L'ostello più famoso in Europa

Firenze Lavagnini, 20mila metri quadri ripensati all'interno dello storico Palazzo del Sonno (mai nome fu più azzeccato) per il debutto italiano della celebre catena olandese concentrata sull'ospitalità informale a prezzi accessibili The Student Hotel. L'ostello – ma è riduttivo definirlo tale - aprirà le porte il 7 giugno di fronte alla Fortezza da Basso, in posizione strategica a breve distanza dalla stazione di Santa Maria Novella: i lavori di ristrutturazione sono già terminati all'esterno, mentre si procede a gran ritmo per completare gli interni, 390 camere e una moltitudine di spazi comuni destinati agli ospiti della struttura, ma anche aperti alla città, secondo la filosofia del gruppo fondato dallo scozzese Charlie McGregor e celebre in Europa, che entro il 2021 terrà a battesimo 13 strutture nelle principali città della Penisola, tra Bologna, Torino, Roma (all'ex Dogana di San Lorenzo), Napoli, Pisa, Siena e un secondo hotel a Firenze, in via Belfiore, che aprirà nel 2019. Col parallelo piano d'espansione in Europa il numero totale delle sedi salirà a 41. Dunque l'apertura di Firenze sarà il primo banco di prova di una formula inedita nel nostro Paese, almeno con i numeri che si prospettano per la struttura che mette il design al servizio della funzionalità per servire un modello ibrido di co-living e co-working.

Servizi per gli ospiti e per la città. Il ristorante e il bar de La Menagere

La clientela tipo? Trasversale: studenti, uomini d'affari in viaggio per lavoro, turisti internazionali, professionisti in cerca di uno spazio confortevole e moderno per conferenze e meeting, o – su abbonamento – di un ambiente di lavoro di cui usufruire abitualmente, in regime di co-working. “Albergo e piazza per la città insieme”, come ha definito il progetto Frank Uffen (responsabile dell'apertura italiana) in occasione della presentazione alla stampa di qualche giorno fa; col piano terra della struttura ripartito tra area studio, libreria, palestra, auditorium, negozi, ristorante, con la sorpresa della piscina sul tetto e rooftop bar che guarda sul Duomo. Un'accoglienza modulata sui servizi e sulla condivisione di spazi piacevoli da vivere per tutta la giornata. L'offerta gastronomica sarà seguita dalla squadra di La Menagere, concept-restaurant che in via De Ginori si è fatta conoscere per il suo approccio analogamente polifunzionale a una forma di accoglienza modulata su cocktail bar, cucina informale e proposta gourmet (da qualche mese affidata allo chef Fabio Barbaglini). Allo Student Hotel La Menagere seguirà con particolare attenzione la gestione dello skybar, con la drink list ideata dal bartender Luca Manni, sviluppando al contempo un nuovo concept per il ristorante del pian terreno. Si inaugura in grande stile con l'iniziativa Bed Talks, che porterà 100 relatori da tutto il mondo a confrontarsi su idee innovative, attualità, progetti in divenire sui letti delle camere dell'hotel: 50 coppie e 45 minuti ciascuno per suggerire spunti di riflessione inediti, sul modello iconico dei bed-in di Yoko Ono e John Lennon. Tra i relatori già annunciati, anche lo chef Simone Cipriani, che gioca in casa, e porterà in camera da letto la realtà di un giovane chef imprenditore che si confronta con la scena gastronomica di Firenze.

 

L'ostello al Castello di Santa Severa. E i prodotti laziali del Med Cafè

Cambiando set, direzione litorale laziale, ha già aperto i battenti un altro coraggioso esperimento di ospitalità che scommette sull'accessibilità e sulla condivisione degli spazi, all'interno del Castello di Santa Severa. In questo caso il progetto è tutto italiano, come ha ricordato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti durante la cerimonia inaugurale, presentando il progetto come “l'ostello più bello d'Europa”. Certo aiutano moltissimo gli ambienti recuperati con cura della rocca a picco sul mare della popolare località turistica pochi chilometri a Nord della Capitale: un'imponente struttura medievale che dal 3 maggio metterà a disposizione 14 camere (per 42 ospiti) ricavate nei locali storici, con soffitto a travi e bagno interno. Ma il progetto è ben più articolato, e comprende il polo museale recentemente riaperto al pubblico visitato nell'ultimo anno da 50mila persone e un Innovation lab, che sfrutta la realtà aumentata per proporre un inedito tour della struttura. Ma l'idea è quella di creare un polo ancor più attrattivo, con spazi comuni destinati alla valorizzazione dell'enogastronomia locale, botteghe artigiane e ristorante interno. Già dall'anno scorso, tra gli spazi aperti al pubblico della rocca, ha inaugurato il Med Cafè, un punto ristoro per i visitatori del museo finora operativo con apertura stagionale (di nuovo in funzione dal 1 aprile scorso). Gestito da Coopculture, il caffè valorizza i prodotti locali: la frutta e la verdura dell'Azienda Agricola Morani, i prodotti ittici affumicati dell'Affumicheria Artigianale Sapor Maris di Ladispoli e le specialità casearie del Caseificio Caninese. Mentre i dolci arrivano dritti dalla Capitale, con la proposta di pasticceria e i croissant di Cristalli di Zuccheroe i gelati di Steccolecco. In attività dalla mattina all'ora dell'aperitivo, la buvette del mare propone soluzioni veloci per il pranzo, crudi di pesce, salumi e formaggi del territorio, vini alla mescita di aziende laziali. E poi la carta dei cocktail, per un tramonto insolito al castello, nel dehors del Med Café. Un format di ristorazione agile pensato al servizio del polo museale (e ora, perché no, anche dell'ostello) che presto replicherà, con nuovi protagonisti, all'interno di Palazzo Merulana, a Roma. Aggiornamenti a breve.

 

The Student Hotel Firenze Lavagnini – viale Spartaco Lavagnini, 70-72 – dal 7 giugno 2018- www.thestudenthotel.com

Med Cafè al Castello di Santa Severa – Santa Marinella (RM) – via Aurelia km 52,600 - www.castellodisantasevera.it

 

a cura di Livia Montagnoli

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition