22 Mar 2013 / 14:03

Market Wines: Liguria

Questa settimana abbiamo deciso di andare alla scoperta della Liguria e della sua produzione vinicola. Un lavoro, quello enologico, che presuppone una difficoltà iniziale, causata dalla ristrettezza di spazi a disposizione e dalle difficoltà di lavorazione del suolo, quasi sempre di andamento irrego

http://med.gamberorosso.it/media/2008/11/209601_web.jpeg

Questa settimana abbiamo deciso di andare alla scoperta della Liguria e della sua produzione vinicola. Un lavoro, quello enologico, che presuppone una difficoltà iniziale, causata dalla ristrettezza di spazi a disposizione e dalle difficoltà di lavorazione del suolo, quasi sempre di andamento irrego

lare e disposto su speroni rocciosi.

 

Oggi la viticoltura ligure è quasi tutta concentrata sul crinale appenninico in vista mare con un imbottigliamento tra i più bassi in Italia a causa delle zone idonee piuttosto rare nella regione. Malgrado questo i vitigni sono moltissimi e la qualità elevata e si trovano a Imperia, nella provincia di La Spezia, Savona e Genova. La maggior parte delle etichette della Liguria riguardano uvaggi bianchi, tra cui il Vermentino, fragrante, nitido, aromatico e complesso e il Pigato, solare, mediterraneo e profondo. Il Bosco e l'Albarola sono quelli a frutto bianco delle Cinque Terre, zona vinicola impervia, dove le lavorazioni sono estremamente difficili. Tra i rossi tiene alto il prestigio il Rossese di Dolceacqua, uno dei più noti DOC della regione. Tra i vini di questa settimana vogliamo segnalarvi Riviera Ligure di Ponente Pigato Domè 2011 di Vis Amoris, Colli di Luni Vermentino Etichetta Grigia 2011 di Lunae Bosoni, Bacilò 2011 di BioVio.

 

 

 

 


Riviera Ligure di Ponente Pigato Domè 2011 Vis Amoris

Siamo nel territorio di Imperia nei pressi di Carmagna dove Rossana Zappa e Roberto Tozzi hanno da qualche anno intrapreso l'attività vitivinicola vantando sei tipologie differenti di vini da uve pigato in purezza: metodo classico, linea base, selezione, lavorato sulle fecce nobili, affinato in legno e passito. Il Pigato Domè ha destato la nostra attenzione: è un vino gradevole, non eccessivamente intenso, con un leggero tono di mandorla amara in fin di bocca. Un bianco dalle intense note salmastre e resinose, corpo giovane in evoluzione ma grande carattere. Prodotto da tutto pasto, indicato per gli antipasti misti, le minestre anche asciutte, i piatti di pesce, uova, verdure e formaggi. 9.60 €

 

 

 

 

Colli di Luni Vermentino Etichetta Grigia 2011 Lunae Bosoni

Una cantina che ha fatto la storia del territorio ligure, l'azienda guidata da Paolo Bosoni, che mira a rivalutare aree particolarmente vocate. Costituita da circa 65 ettari di vigneto di proprietà e da quasi 150 vignaioli locali che producono con attenzione e ricerca di antichi vitigni localizzati nella zona. Il rispetto per la biodiversità e lo studio dei suoli sono caratteristiche fondamentali che si ritrovano nel Colli di Luni Vermentino Etichetta Grigia 2011. Un Vermentino piacevole, dall'intensità aromatica e dalla solida e ricca struttura, il tutto condito di coordinate mediterranee. Molto indicato con piatti di pesce della cucina regionale. 8.00 €

 

 

 

 


Bacilò 2011 BioVio

Nella Piana di Albenga, Aimone e Chiara producono i loro vini nella tradizione del biologico per di più certificato. Vini intrisi di sentori delle erbe aromatiche che si ritrovano nel territorio e sono coltivate da tempo dai due coniugi con costanza e passione. Produzione come i Vermentino e il Pigato costituiscono un asse portante dell'azienda insieme al Rossese e al Bacilò. È un rosso delicato (rossese 80% granaccia 20%) dai sentori di viola e lampone. In bocca è asciutto, sapido e armonico. Un vino che predilige gli arrosti, le grigliate miste, la cacciagione e i formaggi di media stagionatura. 7.60 €

 

a cura di Stefania Annese e Alessio Noè

22/03/2013

 

 

Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition