Libri, incontri, showcooking e masterclass: al Salone del Libro di Torino il cibo diventa una delle aree centrali della manifestazione. Così il tema del Salone di quest'anno, Bene in vista, si trasforma in Buono in vista.

È Bene in vista il tema del XXVII Salone del Libro che apre domani a Torino. Ma oltre al bene, quest’anno si aggira per il salone anche il buono. Inteso come commestibile e gustoso. In questo Salone del Libro infatti il cibo avrà molto spazio: cibo da leggere, ma anche da vedere, conoscere, imparare, gustare.
Già, perché accanto ai libri di enogastronomia, che sempre più spesso diventano bestseller (il food, anche in versione cartacea, è un settore che tiene, nonostante la crisi) pure la pratica della cucina ha trovato il posto nella più grande kermesse nazionale/internazionale del libro.
Così Casa CookBook, lo spazio del salone che dalla scorsa edizione è dedicato all’enogastronomia e ai grandi chef, quest'anno diventa ancora più grande, e alla ShowKitchen, 100 posti e tutte le più moderne attrezzature per cucinare secondo un modello eco-sostenibile, si affianca una seconda area-incontri, Cook Lab, dedicata ai workshop: laboratori di cucina dove il pubblico diventa protagonista e può interagire con i grandi chef scoprendone tecniche e segreti.

Programma ricchissimo, quello dello ShowKitchen, con oltre 50 appuntamenti tra laboratori, showcooking e presentazioni con chef, foodblogger e star della tivù. Si comincia dalla cucina vegana, uno dei temi forti di Casa CookBook 2014, con le ricette vegan per le Feste di Roberto Politi, l’8 maggio, e quelle di Las Vegansdi Paola Maugeri, dj e conduttrice televisiva, vegana da oltre vent’anni (venerdì 9) e la presentazione di formaggi, latte e yogurt veg di Grazia Cacciola, blogger e autrice di diversi libri(domenica 11). Altri temi forti quest’anno sono il panee la panificazione, con il libro Pasta Madre di Riccardo Astolfi (sabato 10), fondatore della Comunità Pastamadre che ha creato la rete mondiale degli spacciatori di pasta madre ma anche Il senso di Davide per la farina del panetteriere Davide Longoni e le farine e i sapori dimenticati di Maria Cristina Ferrari (domenica 11). E poi la cucina antiaging con Chiara Manzi, i 150 anni di ricette di Fornelli d’Italia di Stefania Aphel Barzini, l’hamburger all’italianache ha trovato nuovi ambasciatori negli chef e negli artigiani più blasonati, da Gabriele Bonci a Moreno Cedroni, Alessandro "Ino Panino" Frassica, continuando con Luca Montersino e molti altri. Un mix perfetto fra food da leggere e food da gustare, che vede per esempio lo showcooking alla piemontese di Maurilio Garola, chef de La Ciau del Tornavento di Treiso (sabato 10), accanto alle 50 sfumature di cioccolato del maître chocolatier Gianluca Aresu,seguìto domenica 11 da Che paradiso è senza cioccolato? raccolta di oltre sessanta ricette di Ernst Knam, e poi la striscia quotidiana dedicata al vino, un viaggio alla scoperta delle migliori cantine d’Italia a cura di Luca Ferrua, giornalista della Stampa.
Gambero Rosso Channelè partner di Casa CookBook e MonnyB, la protagonista della trasmissione Semplicemente MonnyB, conduce il programma direttamente dal salone, tutti i giorni alle 16.00, ospiti autori e scrittori italiani che parlano di libri mentre cucinano. MonnyB è anche al centro di #ilbeneincucina, il socialgame di Casa CookBook che permette a chi ama cibo e cucina di giocare attraverso i canali social, pubblicando una foto sul tema Il bene in cucina. L’autore della foto con più likes si aggiudica la possibilità di cucinare con MonnyB nella puntata finale di lunedì 12 maggio, registrata direttamente da Casa CookBook.

Non mancano naturalmente star del piccolo schermo. Giovedì 8 AntoninoCannavacciuolosi racconta con In cucina comando io!e parla della nuova serie di Cucine da Incubo per il canale FoxLife e del ristorante che sta per aprire a Mosca. Domenica 11il vincitore della terza edizione di Masterchef Federico Francesco Ferreropresenta il suo libro Missione Leggerezza, ricette, segreti e passioni in cucina, mentre lunedì 12 è la volta di Christian Milonedi Trattoria Zappatori di Pinerolo (oltre che protagonista della Prova del cuoco su Rai1) con Odio Cucinaree della vincitrice della prima edizione di Bake Off Italia Madalina Pometescu,con Dolci di Cuore.

Sugli stessi temi il Cook Lab, lo spazio laboratori per il pubblico (attenzione: sono a numero chiuso – 20/30 posti disponibili - è necessario prenotarsi via email). Qui ci si può cimentare con un menù vegan completo, pasticceria compresa, con il team di Ratatouille, provare l’esperienza di fare il pane e le pizze con le farine Petra del Mulino Quagliae la supervisione di esperti come Roberto Ghisolfi, Renato Bosco, Sara Papa e il panettiere torinese Luca Scarcella, o ancora partecipare a degustazioni di vini a cura della Città del Gusto di Torino. Ma il food si aggira un po’ per tutto il Salone del Libro: così Rocco Moliterni, giornalista della Stampa, presenta in modo insolito il suo Non so che pesci pigliare, tutte le mattine alle 11 allo stand Mondadori: un percorso dalla a di acciuga alla z della zuppa di pesce, con ricette, curiosità declinati ogni giorno su un pesce diverso, scelto fra quelli più letterari, dal pesce gattopardo ai pesci di Pinocchio. Non è tutto: al Salone l’appetito vien leggendo.

Casa CookBook | Torino | Lingotto Fiere | Salone Internazionale del Libro | 8-12 maggio 2014 | Ingresso: 10€ | tel. 011.5611337 | http://www.salonelibro.it/it/| facebook.com/CasaCookBook| twitter.com/CasaCookBook
Prenotazioni per il Cook Lab: cookbook@salonelibro.it |

a cura di Rosalba Graglia