The Wine Advocate rimarrà invariato, ma la squadra sarà impegnata anche nel nuovo progetto. La data di pubblicazione è fissata a breve, si parla di giugno 2014. Conterrà articoli di critica accanto a informazioni di servizio.
Pubblicità

L’annuncio congiunto è del network Burda International insieme a The Wine Advocate di Robert Parker e riguarda la nascita di un nuovo magazine che lo statunitense Avvocato del Vino lancerà nel mese di giugno 2014. Si chiamerà 100 Points by Robert Parker e sarà interamente dedicato al life style. Anche vino, ma non solo. Accanto a enoteche e ristoranti selezionati per l’ottima qualità delle etichette presenti in carta, la nuova piattaforma presenterà i luoghi internazionali della dolce vita. La squadra che se ne occuperà sarà, infatti, la stessa che è al momento impegnata su The Wine Advocate. Critici e giornalisti da tutto il mondo invieranno segnalazioni e resoconti che saranno pubblicati sotto forma di articoli sia di approfondimento che di servizio. Da quanto si apprende, il magazine, è stato pensato come una sorta di guida in cui le segnalazioni saranno accompagnate da tutte le informazioni pratiche di cui il lettore potrebbe aver bisogno, ricalcando uno stile ben noto ai followers di Parker. “Sono felice di questa collaborazione con Burda”, ha spiegato Parker in una nota diffusa alla stampa. “Una media house leader di portata mondiale è indispensabile per il nostro bisogno di mantenere l’indipendenza su cui si basa il nostro marchio, in questo modo potremo continuare a offrire al pubblico commenti affidabili e critici”.
Le due aziende hanno già collaborato in una serie di eventi e progetti editoriali in Asia, compresa la Cina, e stanno ora sviluppando un modello di business forte del brand e della visibilità mondiale di entrambe le realtà. Non ci saranno invece variazioni sull’impostazione del classico The Wine Advocate che rimarrà esattamente così com’è. Le due realtà saranno sì linkate, ma rimarranno indipendenti l’una dall’altra.