[caption id="attachment_88433" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2011/06/276172_web.jpeg[/caption]

Il Foodies Tour  2011 si avvicina alla tappa finale a Roma il prossimo 10 novembre. Ma prima di parlare della tappa romana, un breve racconto delle sette tappe che si sono svolte finora. Ogni tappa ha avuto come protagonisti i profumi e i sapori della nostra terra. Ed ogni tappa ha visto all’opera protag

Pubblicità

onisti diversi.


Il Foodies Tour 2011 è nato dall’iniziativa di  Gambero Rosso e Negroni che insieme hanno condiviso la nascita della prima guida dedicata ai Foodies italiani. Come tappe del Tour abbiamo scelto alcuni locali Foodies segnalati nella prima guida edita a fine 2010, ai quali abbiamo proposto di creare insieme delle serate “foodies” per i loro clienti abituali e no e con i loro fornitori foodies, perché un locale “foodies” ricerca le materie prime migliori e più adatte alle proprie proposte eno-gastronomiche.

Pubblicità

 

Le serate hanno visto non solo la partecipazione di centinaia di foodies ma anche quella di decine di produttori spesso piccoli e grandi che permettono a questi ristoratori di dare il meglio.

 

Ogni serata è stata diversa dall’altra. Ogni serata è stato una jam session di sapori ed abbinamenti. Ve le vogliamo raccontare scusandoci in anticipo se ci sfugge qualcuno.

Pubblicità

 

1° tappa Napoli  “Sapori di Campania”,
Il debutto del Tour a Napoli il 22 giugno alla Città del gusto con i “Sapori di Campania”, dove la squadra capitanata da Serena Maggiulli ci ha proposto il Panino D’Autore “il culatello cotto e crudo”, l’ originale pizza saltimbocca con i due salumi Negroni  del maestro pizzaiolo Michele Leo, i formaggi prelibati proposti da La Tradizione di Seiano di Vico Equense, i fritti della Cuopperia di Cetara, le Mozzarelle di Bufala Campana proposte dal Consorzio, i prodotti della Cremeria Gabriele di Vico Equense, le paste fresche del Pastificio Leonessa, i taralli del Tarallificio e per finire i dolci tradizionali e no delle grandi Pasticcerie Volpe e Sirica.
La serata era molto calda ed umida, il pubblico era tantissimo, ma per fortuna avevamo la compagnia delle fresche Birre Moretti e le proposte del bartender Sebastiano.

 

2° tappa Monopoli: “Il bello della diretta”
Il 24 giugno eravamo già in Puglia per la seconda tappa a Monopoli dall’Osteria Vigna del Mar, con la serata intitolata “Il bello della diretta” proposta da Luciano che ha trovato in terra pugliese il luogo ideale per proporre le sue proposte eno-gastronomiche frutto di vera passione. Abbiamo assaggiato le mozzarelle e le burrate fatte davanti a noi dal patron del Caseificio Masi di Conversano, insieme al pane di Altamura con i patè di olive dell’ Azienda De Bellis, il tutto annaffiato da un fresco  Burlesque Rosè dell’Azienda Racemi di Gregory  Perrucci.
Abbiamo continuato con una pasta realizzata con le farine bio di Bioland di Gravina di Puglia accompagnata con la B94 del Burrificio Artigianale di Lecce. Non è mancata la degustazione di Parma Dop e Cotti di Culatello Negroni con il pane di Altamura, sempre in abbinamento con il Negroamaro di Racemi e abbiamo concluso con i dolci della Pasticceria Caputo di Altamura.

 

3° tappa Ancona – Poggio di Portonovo: “Susci figlio dei fiori e Susci selvaggio”.

Saltati i mesi più caldi il tour è ripreso a settembre sul mare Adriatico, in una bellissima serata con tanto di luna piena sorta dal mare del davanti il Monte Conero. Il 15 settembre eravamo. Al Clandestino  Moreno Cedroni ci ha proposto prima di tutto “la verticale di Culatello”, il suo Panino d’Autore creato due anni fa per Negroni” e un assaggio degli olii del Frantoio Gianni Giacani di Jesi.
Ma Moreno Cedroni, grande chef che sa ideare nuovi piatti ed ha la passione di raccontarli, ci ha presentato e proposto alcuni dei suoi susci tratti dai menu2010 e 2011: susci figlio dei fiori e susci selvaggio. Passando per un piatto di Spinosini (pasta originale della Spinos di Campofilone). Il tutto accompagnato dai vini dell’Azienda Garofoli presentati dallo stesso Carlo Garofoli.

4° tappa Pescara: “Duetto d’Abruzzo: l’agnello e il Montepulciano”
Dopo una settimana, il 22 settembre, tappa alla Locanda Manthonè di Pescara dove il patron Luca Panunzio ha proposto il “Duetto d’Abruzzo: l’agnello e il Montepulciano” con la partecipazione della Zootecnica  Gran Sasso, Agricola Tiziano De Amicis, Pastificio Verrigni, e con i vini dell’Azienda La Valentina. E quindi il Salame Cremona sul crostone con i pomodori abruzzesi o il Cotto di Culatello smepre di Negroni su pane crusca “bagnata” con olio e origano selvativo. Per proseguire con la fracchiata (farina di cicerchia) con spuntature d’agnello e poi ancora agnello, fritto, mollicato al forno e porchettato.

Ma il programma del Foodies Tour di settembre è stato intenso…

 

5° tappa Palazzolo sull’Oglio: “Franciacorta Culatello e  altro …..”
Lasciato l’Adriatico ci siamo spostati al nord. Il 28 settembre a Palazzolo sull’Oglio la temperatura era primaverile. All’Osteria della Villetta, dove l’orchestra era guidata da Maurizio Rossi e sua moglie Grazia. Il titolo della serata “Franciacorta Culatello e  altro…”. Inizio con il Culatello di Zibello Negroni in abbinamento con sette Franciacorta: Bonomi Tenuta Castellino, Contadi Castaldi, Ferghettina, Le Marchesine, Monzio Compagnoni, San Cristoforo, Villa Crespia ed abbiamo proseguito con i classici dell’ Osteria  e realizzati con i prodotti delle aziende Abi carni, Besozzi oro (farine), i caprini della Val Persane e il grana padano del Caseificio S.Giovanni di Chiari
E per concludere il gelato love differenze. Tra i commensali il maestro Gualtiero Marchesi.

 

6° tappa Trento: “Dal Mercato alla tavola”
La sesta tappa si è svolta il 30 settembre su una collina affacciata su Trento presso la Locanda Margon della famiglia Lunelli con Camilla Lunelli a rappresentare le cantine Ferrari, i più importanti e conosciuti produttori di vini Trentino (Trentodoc in particolare).
Alfio Grezzi anima della Locanda Margon ha scommesso sulla temperatura mite ed ha creato una serata unica. Il tema “Dal Mercato alla tavola”.

Abbiamo conosciuto i fornitori Foodies della Locanda  presentati in un piccolo mercatino al momento del tramonto sui monti trentini. Un piccolo Salone del gusto (rubando il termine agli amici di Slow).

E quindi con un calice di bollicine Ferrari e con una selezione di pani “trentini” abbiamo assaggiato Culatello di Zibello e Prosciutto San Daniele Negroni  insieme con gli altri prodotti che poi erano elaborati nei piatti preparati da Alfio Ghezzi. Gli olii della Agraria Riva del Garda, le carni della F.lli Ballardini, un Trentingrana di 44 mesi proposto dalla Bottega Trentina di Alvaro Giuliani, la carne salada di Largher, i Mieli Thun di  Andrea Paternoster, le erbette di montagna di Primitivizia, la trota di Trota oro, le verdure e la frutta di Stefano Demattè e la carne di maiale dell’unica azienda fuori zona, la Urbevetus di Orvieto.
 
7° tappa Genova: “Liguria nel piatto”
Con la settima tappa siamo giunti sul Tirreno il 14 ottobre, da Murena Suite a Genova. Un locale che non è un ristorante ed è limitativo definirlo bar, è infatti un vero locale Foodies nato come bar che si è poi trasformato in  un locale scelto da chi vuole fare un pasto veloce o meno all’insegna della qualità e del gusto. Grazie al lavoro dei fratelli Murena e della instancabile mamma Francesca che “comanda” in cucina. Titolo della serata “Liguria nel piatto”.
Quindi i salumi Negroni sono stati assaggiati tal quali con la Focaccia di Prà e la schiacciata genovese o elaborati dalla signora Francesca Murena.
Il menu ha visto la rivitazione di un tipico menu  della regione ed è stato realizzato con i prodotti dell’Azienda Agricola Giorgio Villata di Savona, gli olii dell’Oleificio Polla di Loano, i formaggi della Centro latte di Rapallo. Citiamo solo per esempio le Picagge Matte al pest con verdurine e lo stoccafisso al verde.
Il tutto  accompagnato dai vini biologici: Pigato, Vermenino, Pigato Riserva e Rossese della Bio Vio di Bastia d’Albenga. Per concludere il panettone genovese dell’ Antica Forneria Berti.

 

Come dire le tappe del Foodies Tour  sono state dei concerti.  Ogni gruppo ha dimostrato il suo affiatamento regalandoci armonie nuove.

Ma non è finita qui. Il 10 novembre uscirà in libreria  la nuova guida Foodies 2012 realizzata da Gambero Rosso grazie alla partnership con Negroni.
Quella sera presso la Città del gusto di Roma ci sarà l’ultima tappa del Foodies Tour 2011.
Nei prossimi giorni pubblicheremo il programma qui sul sito. I posti saranno limitati. Prenotatevi in tempo.

 

Francesco Dammicco

ottobre 2012