[caption id="attachment_89389" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2012/02/302442_web.jpeg[/caption]

Ortaggi delle meraviglie. Così si chiamano le verdure e le erbe aromatiche coltivate in un fazzoletto di terra da sette detenute all'interno del carcere femminile della Giudecca. Ortaggi delle meraviglie di nome e di fatto. Hanno conquistato Jamie Oliver, lo chef, conduttore televisivo e scrittore inglese fan della cucina

Pubblicità

italiana, che un paio d’anni fa è venuto qui per girare un servizio. Sono i protagonisti (e hanno ispirato il titolo) di un film documentario francese, Le jardin des merveilles, Il giardino delle meraviglie, girato nella primavera del 2011, in uscita a breve. Sarà il richiamo del fascino lagunare, sarà l’attrazione esercitata dalla detenzione al femminile, che “buca” lo schermo e fa audience. Però c’è anche la sostanza.

 

La sostanza di un progetto attivo da oltre 15 anni, avviato nel 1995 dalla cooperativa sociale Rio Terà dei Pensieri. Non a caso. «L’orto è il laboratorio più terapeutico – spiega Vania Carlot, responsabile del progetto –. Stare in uno spazio aperto, lavorare la terra, vedere il frutto del proprio lavoro sono in assoluto esperienze che hanno il maggior potere riabilitativo per chi è recluso». Asparagi, carciofi di Sant’Erasmo, radicchio rosso di Treviso, insalatine da taglio, spinaci, cardi, carote, frutta, erbe spontanee e officinali coltivati in biologico in 6000 metri quadrati vengono commercializzati in un banchetto davanti al carcere il giovedì mattina; tutt’al più l’invenduto viene dato ai Gas di Venezia e della Giudecca per le “borse” miste. Un’attività che dà poco profitto in termini economici, «il guadagno è soprattutto di tipo umano, in termini di recupero e di vita». In progetto la realizzazione di un laboratorio per la trasformazione di prodotti alimentari.

Pubblicità


 

Casa circondariale

Venezia Giudecca

Pubblicità

via Sant’Eufemia – Giudecca, 712

tel. 0415 204 033

www.rioteradeipensieri.org

Nella prossima puntata andremo nel carcere di Saluzzo a scoprire le birre artigianali realizzate in collaborazione con Pausa Café.

 

Mara Nocilla
10/02/2012