Expo multiculturale. Cucine dal mondo a Milano: la tradizione cajun, il caffè brasiliano e la Settima Notte giapponese

16 Giu 2015, 08:10 | a cura di Livia Montagnoli
Se siete a Milano approfittate per scoprire le tradizioni gastronomiche del mondo, che si incontrano in città dando vita a un ricco calendario di appuntamenti. Per gli Usa c'è la cucina cajun della Louisiana, il Brasile punta sul caffè e dalla Spagna arrivano i colori dell'Andalusia.
Pubblicità

Un'altra settimana di Expo, un nuovo calendario di appuntamenti con le cucine internazionali che si incontrano in città, trasformando Milano nella capitale globale del gusto. Il programma di appuntamenti con laboratori di cucina, conferenze e approfondimenti multiculturali, feste nazionali che evocano usanze lontane si infittisce un giorno dopo l'altro, regalando occasione di sperimentare pietanze e costumi esotici a milanesi e visitatori accorsi in occasione dell'Esposizione.

La Lousiana al Padiglione Usa. Cucina cajun e tradizione creola

Il Padiglione Usa riunisce in sé le tradizioni più disparate, in rappresentanza di un vasto territorio che vede convivere etnie diverse: le abitudini alimentari di culture così diverse sono spesso un potente emblema identitario. Fino al 2 luglio, sarà l'Ufficio del Turismo della Louisiana a proporre un assaggio della cucina tipica creola e cajun, interpretata per l'occasione dallo chef John Besh nel rispetto di un melting pot di nazionalità – francese, spagnola, indiana d'America, africana, caraibica e siciliana – che ha reso la tradizione gastronomica della Louisiana unica nel mondo.
Sarà il grande food truck del padiglione a stelle e strisce l'avamposto di punta di questa invasione creola, con la proposta del tipico panino Po'boys ai gamberetti con tabasco della Lousiana. In città sarà il James Beard American Restaurant, ospite del Seven Stars Galleria nel cuore della città fino al termine di Expo, a presentare due cene tematiche ideate dallo chef per il servizio del 16 e 17 giugno, per offrire in un contesto esclusivo sapori e profumi di una tradizione ricca e antica, che può contare sulle grandi materie prime del territorio locale.

Il caffè del Brasile. Lo show dei barman internazionali

Al Padiglione del Brasile – tra i più ammirati della fiera – si percorre la strada del caffè gourmet, tra i punti di forza della produzione agroalimentare del colosso sudamericano. Varietà pregiate di caffè – di cui il Brasile detiene il primato mondiale per la produzione – protagoniste degli show di quattro baristi di fama internazionale, che dal 20 al 26 giugno saranno ospiti del padiglione per iniziativa di BSCA, l'associazione che riunisce i produttori di caffè gourmet.
I barman proporranno una personale interpretazione delle miscele pregiate, offrendole al pubblico che affolla ogni giorno lo spazio verdeoro. Racconteranno così la storia del caffè brasiliano, dal chicco alla tazzina, approfondendone le tecniche di lavorazione e servizio. Appuntamento al secondo piano del padiglione presso la business lounge ogni due ore, a partire dalle 11 (e in replica serale presso il Cluster del Caffè).

Pubblicità

Andalusia e Giappone. Antipodi gastronomici in città

Alla fine del mese – dal 29 giugno al 4 luglio – sarà ancora una volta la Spagna a offrire lo spettacolo di un'identità culturale e gastronomica vivace, giocando la carta dell'Andalusia, protagonista di incontri, conferenze, degustazioni a cura dell'Ente Spagnolo per il Turismo in Palazzo Giureconsulti.
Mentre il 2 luglio in via Tortona si festeggia la tradizione del Sol Levante, con la celebrazione della Settima Notte, festa tradizionale giapponese di origine antica: Garde design & architecture, con la prefettura di Shizuoka, introdurranno gli ospiti ( ingresso libero, fino a esaurimento posti) all'arte culinaria nipponica.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X