Ancora un mese ricco di appuntamenti con le cucine del mondo a Milano, dove sta per aprire il temporary restaurant del progetto Taiwan to go. Intanto le autorità religiose del mondo si ritrovano per una simbolica benedizione del cibo. Poi sake party, pisco night, passeggiate a Chinatown. Tutti gli appuntamenti. 

Pubblicità

La tavola della pace. La benedizione del cibo a Expo

Il mese più caldo dell’anno volge al termine, settembre è alle porte e le grandi città riacquistano i ritmi frenetici che gli sono più congeniali. Se c’è un luogo che non ha chiuso per ferie, quello è Expo, che nonostante la canicola agostana ha continuato a collezionare eventi e a catalizzare l’attenzione di molti, tanto da spingere l’organizzazione a cambiare registro, ampliando la fascia oraria a ingresso ridotto. Certo, i dati ufficiali registrano un’affluenza prevalentemente tricolore, lamentando la presenza di visitatori stranieri, al di sotto delle stime previste. Intanto però il calendario di appuntamenti promosso in collaborazione con il Comune – con la formula Expo in Città – e le attività organizzate dai Paesi ospiti dell’Esposizione continua a coinvolgere milanesi e non, aprendo nuove prospettive sulla gastronomia internazionale e sulle tradizioni alimentari che ogni cultura porta con sé. E allora, ancora una volta, facciamo il punto sul calendario di questa Expo multiculturale che si presenta all’appello con settembre carica di novità.

A cominciare dalla cerimonia presso l’Expo Center che il primo giorno del mese coinvolgerà undici esponenti delle principali religioni del mondo in un incontro dall’alto valore sancito dalla benedizione del cibo che ognuno promuoverà secondo la propria formula e tradizione. Il cibo in questione sarà quello presentato dai Paesi partecipanti per imbandire una immaginaria tavola della pace e del dialogo; a loro si aggiungerà un piatto speciale ideato dallo chef ambassador Pietro Leemann con ingredienti vegetariani kosher e halal. Al termine del rito – che avrà inizio alle 13 alla presenza del ministro Martina e di Giuseppe Sala– sarà consumato il pasto.

Casa Taiwan. Temporary restaurant e mercato tradizionale

Poi, dal 5 settembre, Milano accoglierà un nuovo arrivato tra i temporary restaurant che in questi mesi si sono moltiplicati in città; Casa Taiwan, ospitata nelle sale settecentesche di Palazzo Bovara, sarà aperta al pubblico fino al 25 ottobre, ogni fine settimana dal venerdì alla domenica (per cena), proponendo ai commensali le specialità dell’isola ideate dai migliori chef locali, con piatti tipici e menu tradizionali a prezzo ridotto (35 euro a persona, bevande incluse). Improntato all’interazione con i visitatori, lo spazio sarà animato da showcooking, laboratori di cucina e dimostrazioni a tema. E dal 20 settembre (fino al 31 ottobre) la tradizione gastronomica di Taiwan affiggerà il proprio vessillo anche in piazza Santo Stefano, che ospiterà il Taiwan Food Culture Pavilion, per rievocare la suggestione di un mercato orientale a due passi dal Duomo (dalle 10 alle 20, ingresso gratuito). Mentre per le strade di Milano viaggeranno in bici i Taiwan Messenger Vendors, pronti a svelare ai passanti la tradizionale cerimonia del tè di Taipei.

Pubblicità

Street food dal Perù in Darsena, sake festival ai Chiostri dell’Umanitaria

Si cambia continente per tornare ancora una volta in Perù, anche a settembre protagonista al Mudec con gli appuntamenti di Perù feeds your soul, che giovedì 3 trasformeranno la piazzetta del polo museale in un colorato Pisco bar. Mentre il 4 settembre la rassegna si trasferisce in Darsena, per una giornata all’insegna dello street food latino americano (dalle 13, a ingresso libero).

Nuovo appuntamento anche per l’iniziativa Food For Thought, promossa dal Consolato Generale degli Stati Uniti presso la Biblioteca Sormani: il 17 settembre, dalle 18, si parlerà di cibo e televisione, chiamando in causa i format culinari sdoganati dal palinsesto a stelle e strisce. Decisamente più movimentata l’atmosfera che trasformerà i Chiostri dell’Umanitaria in un angolo di Giappone, per il Milano Sake Festival del 12 settembre, che si aprirà alle 12 con il Kagamibiraki e proporrà stand di degustazione gratuita, un sake bar e un negozio per gli acquisti a tema nipponico. In programma anche degustazioni guidate, masterclass e food matching; dalle 18 appuntamento con il Cool Japan Party.

Passeggiare per Chinatown

Chiudiamo restando in Estremo Oriente, per celebrare la cultura cinese; il 24 settembre lo Spazio Sforza dell’Expo Gate ospita Dalla Cina con sapore, a cura dell’Istituto Confucio: uno show cooking sulla cucina tradizionale a base di jiaozi, i celebri ravioli cinesi (dalle 18.30, ingresso libero fino a esaurimento posti). Il 26 settembre appuntamento alle 11 nella Chinatown milanese, per una passeggiata multiculturale organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio, alla scoperta di un quartiere antico ricco di storie da raccontare.

 

Pubblicità

a cura di Livia Montagnoli

 

Casa Taiwan | Milano | Palazzo Bovara, corso Venezia 51 | dal 5 settembre al 25 ottobre, dal venerdì al sabato (tranne 25,26,27), solo a cena | menu degustazione 35 euro a persona | prenotazioni tel. 329 2936611/ [email protected]

Taiwan Food Culture Pavilion | Milano | piazza Santo Stefano | dal 20 settembre al 31 ottobre, dalle 10 alle 20 | ingresso gratuito

Milano Sake Festival | Milano | Chiostri dell’Umanitaria, via San Barnaba 48 | il 12 e 13 settembre | quota associativa annuale 15 euro | www.laviadelsake.it

Dalla Cina con sapore | Milano | Spazio Sforza Expo Gate, via Luca Beltrami | il 24 settembre dalle 18.30

Passeggiare a Chinatown | Milano | il 26 settembre alle 11 | per info [email protected]