L’italiana Bolton alla conquista del mercato mondiale del tonno in scatola

26 Ago 2014, 14:42 | a cura di Livia Montagnoli
È più nota per uno dei suoi marchi, il tonno Rio Mare, l’azienda milanese della famiglia Nissim, che punta all’acquisizione della Bumble Bee Foods, colosso mondiale della produzione di tonno e sardine in scatola. Così il giro di affari della società italiana potrebbe raggiungere quello della Thai Union, principale concorrente e leader mondiale nella produzione di conserve dell’ambito pesce pinna gialla.
Pubblicità

Tra i pesci più ambiti nel panorama ittico, spesso il tonno è al centro di polemiche e campagne di sensibilizzazione per la salvaguardia di una specie che incontra la forte richiesta del mercato, che si tratti dell’ambito tonno rosso destinato al consumo fresco o di quello pinna gialla che alimenta una nutrita schiera di aziende che operano nel settore della conservazione.
Proprio sugli interessi che gravitano intorno all’industria del tonno, sui suoi principali attori e concorrenti vertono i movimenti finanziari che stanno coinvolgendo i mercati di tre continenti, in seguito alla decisione del fondo inglese Lion Capital di cedere la Bumble Bee Foods, colosso mondiale della produzione di tonno e sardine in scatola (controlla il 28% del mercato Usa) con sede a San Diego.
All’acquisto, che probabilmente si concretizzerà già a settembre, sarebbe interessata anche l’italiana Bolton (della famiglia milanese Nissim), più nota per i famosi marchi che gestisce: Rio Mare e Palmera per il tonno, ma anche Simmenthal, Borotalco, Collistar e molti altri. La concorrenza più agguerrita si aspetta dalla Thai Union Frozen, ancora una volta un leader del settore, che gestisce il 31% del mercato mondiale, aggiudicandosi il primato nella produzione di conserve di tonno; ma sono in corsa anche la cinese Bright Food e l’americana Post Holdings, finora concentrata sul mercato dei cereali per la colazione.
In caso di acquisizione le prospettive della Bolton andrebbero a confermare una salda leadership nel settore - sostenuta dalla preesistente alleanza con Tri Marine, l’impresa di Renato Curto specializzata nella conservazione del tonno - e ricavi stimati sui tre miliardi di dollari, con il raggiungimento di un giro d’affari pari a quello della Thai Union. Non resta che attendere per scoprire se sarà il caso di festeggiare una nuova conquista italiana sul mercato alimentare globale.

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X