Appunti di degustazione. Lo Champagne alla sfida del tempo: verticale di Veuve Cliquot

2 Set 2014, 09:00 | a cura di Antonio Paolini
Quattro vecchie annate per la Vedova più famosa del mondo: in degustazione Veuve Cliquot 1990, 1989, 1982, 1979. Champagne in verticale, prima puntata.
Pubblicità

I prodromi li avevano posti nel 2008, con un assaggio-sondaggio fatto a scaglioni in casa Cliquot per avere un primo feedback da una serie programmata e selezionata di giornalisti e degustatori opinion leader divisi in mini task force. Poi, nel 2010, il primo splash down ufficiale, varato in concorso con i solenni festeggiamenti per il duecentesimo anniversario del primo millesimato creato in Champagne (1810, appunto) proprio nella maison della Vedova più famosa al mondo. A gestire l’operazione, Dominique Demarville, lo chef de cave prima affiancato e poi subentrato in toto a Jacques Péters, lo storico maker e plenipotenziario di chez la Veuve. Chiaro che nella cave in cui è nato il primo millesimo della storia sciampagnotta si celi un autentico tesoro di profondità e di quantità di annate rispetto a molte altre maison. Ed era altrettanto chiaro che di quel forziere fantastico mr. Péters fosse custode (e maieuta per una buona fetta) abilissimo e fedelissimo, ma anche… geloso.

Con Demarville in sella, altro giro, altra politica. Anche perché i tempi erano maturi. E il messaggio che arrivava (e arriva) dal mercato è che anche per i grandi vini con le bolle la patente di vera noblesse si conquista – come per tutti gli altri – dimostrando al mondo degli intenditori longevità, complessità crescente, vita: in una parola, la capacità di evoluzione lunga e positiva nel tempo. Ecco allora l’idea di Cave Privée. Estendere alla Veuve (che persino più di altri in fondo, come si diceva prima, ha materia e diritto per entrare nel gioco) la dinamica della Oenotheque: collezioni ragionate di millesimi a rilascio tardivo che diventano un mondo parallelo a quello normale della maison. L’uscita molto dopo la vendemmia (tra i 15 e i 30 anni dopo) di vini importanti per nobiltà d’annata, o perché capaci di ribaltarne in corso d’opera il giudizio magari non eccelso dato a suo tempo con una parabola vitale di grande interesse. Per tutti, naturalmente, si tratta di dégorgement tardif, cioè di vini sboccati per la nuova vita. E non di bottiglie già sboccate e dosate all’epoca del primo release. Al primo giro vennero scelte il 1990 Vintage; il 1989 Vintage Rosé; il 1980 Vintage; il 1978 e il 1975 Vintage Rosé, con singole disponibilità estremamente divaricate (dalle oltre 20mila e oltre 15mila bottiglie rispettivamente per 1989 e il ’90 alle 2.000 e poco più di mille per i millesimi storici e più anziani).

Ora, quattro anni dopo, eccoci al secondo giro. Quattro eminenze, disponibili nei tre formati a salire (bottiglia, magnum, Jeroboam). Un’altra volta il Signor ’90, ma in abito rosa stavolta, come pure il 1979. Scelta inversa per l’89, che stavolta è il Vintage d’oro vestito. E, a completare il quadro, un big come l’82 Vintage. Come sono? Di seguito le schede. Qui solo il giudizio medio: altissimo.

Pubblicità

Veve Cliquot Cave Privée Rosé 1990
Il 1990 è il 1990. Non è un caso che il primo giro della Cave Privée in casa della Vedova fosse stato inaugurato con il ’90 versione oro (lì segnata da una cornucopia di miele e più scuri aromi di spugnola e di noisette), sapendo che con un’annata così non si può sbagliare, e si metton tutti d’accordo. Questo due terzi Pinot Noir-Chardonnay un terzo, dai riflessi ramati, il naso di frutta e spezia, lo sfondo più scuro con note jodate e di legno di liquirizia, è altrettanto buono. Non ci sono maschere di liqueur a velare la beva (come in tutti i “promossi” alla Cave il dosaggio è accortamente tenuto giù) e la vinosità se ne esalta. Da cibo, sì. Ma anche solo da godere. Valutazione: 94/100

Veuve Cliquot Cave Privée 1989
È in un girone di ferro: e dunque non è neanche una sorpresa trovarsi ad annotare: “il meno espressivo dei quattro”. Il che ovviamente non vuol dire che non sia pure buonissimo. È che gli altri hanno un timbro di voce non tanto più forte, quanto più articolato, più dialettico. Qui, dopo la classica “sfumata” di humus e sottobosco, entrano miele e frutta secca, e non hanno intenzione alcuna di sbaraccare. Il vino ha tempra, e persino un tocco alcolico più percepito. È figlio del caldo (l’89 fu così); non ne soffre, ma a tratti se ne ricorda. Magari ci stupirà con effetti speciali tra qualche tempo… Valutazione: 90/100

Veuve Cliquot Cave Privée 1982
L’annata che tutti i vignaioli, e non solo in Champagne (anche in Barolo non era da buttar via…) desiderano: qualità e abbondanza, e sia benedetto il santo protettore che per una volta ha fatto il suo… Il risultato (la formula è la solita, Pinot 66%, Chardonnay 34%, il dosaggio sotto i 5 grammi) è impressionante. Il vino racconta la sua età: ma tutta dal versante di una ricchezza esperienziale (riprodotta sulle papille di chi beve) davvero importante. Lo spettro è variegato e appropriato: c’è la nota salata e quella dolce, candita; c’è l’oscurità del legno, la materia minerale (con sfumatura metallica persino) e il gusto satrapico della frutta disidratata. Oltre le morbidezze d’attacco insomma, sotto vibra molto altro. Il finale è francamente tostato, un gout anglais, ma di gran razza. Valutazione: 94/100

Veuve Cliquot Cave Privée Rosé 1979
Toh! Ben trovato, Pinot Meunier. Qui ce n’è un po’ (poi è venuta l’abiura) e la mescola ne prevede in rapporto di uno a dieci e uno a sei con Pinot Noir e Chardonnay. Che abbia nociuto il Meunier a questo ‘79? Scordate pure ogni sospetto. Il “ragazzo” di 35 anni, pur figlio di vendemmia sulla carta non divina, è di quelli che sanno uscire alla distanza. Il colore lo assicura l’uso, al tempo, d’un 20% di rossi di Bouzy. Il carattere un naso totalmente esotico, più India che Parigi, almeno all’avvio. Segue, poi, quel che t’aspetti: freschezza di fondo, ma pure calore e note scure, con frutti neri più che rossi (ma anche quelli ci sono), e qualche empireumatico a venare la carnosità. La bolla è sottile, lenta. La beva riflessiva e continua. E il vino è gastronomico. Fa voglia di un piatto vicino. Occhio solo… al conto del ristorante.
Valutazione: 93/100

Pubblicità

Veuve Cliquot | Reims | 1, place des Droits de l'Homme | tel. +33.3.26.89.53.90 | www.veuve-cliquot.com

a cura di Antonio Paolini

La seconda puntata di Appunti di degustazione. Lo Champagne alla sfida del tempo è con una verticale di sette vecchie annate di Doquet.

Articolo uscito sul numero di Agosto 2014 del Gambero Rosso. Per abbonarti clicca qui

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X