Riso arrosto alla genovese

Difficoltà
Media
Tempo
15 min di preparazione, 30 min di cottura
Tipo di cottura
In tegame o Padella
Dosi per
4 persone
Ingredienti
350 g di riso Arborio; 500 g di piselli [peso lordo]; 3 carciofi di media grandezza; 2 salsicce fresche; 20 g di funghi secchi; 1 cipolla piccola; il succo di 1/2 limone; 2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva; 250 g di brodo; 1 noce di burro; parmigiano grattugiato sale e pepe.
Preparazione

Mettete i funghi secchi a rinvenire in acqua tiepida. Sgusciate i piselli. Tagliate via il gambo dei carciofi quindi scartate le foglie esterne più dure, spuntateli e togliete dal fondo la scorza fibrosa.

Divideteli in due, togliete il fieno interno e affettateli finemente lasciandoli cadere in acqua acidulata con il succo di limone. Spellate la cipolla, tritatela e mettetela ad appassire in una casseruola con l’olio.

Quando il soffritto è pronto, unitevi le salsicce spellate e sbriciolate e, schiacciando con una forchetta, fate in modo che si amalgamino alla cipolla.

Fate rosolare anche la salsiccia e, quando avrà preso colore, tirate su i funghi dall’acqua, strizzateli fra le mani, tagliuzzateli e uniteli al soffritto. Unitevi anche i piselli e i carciofi scolati dall’acqua, mescolate e insaporite con sale e pepe.

Lasciate insaporire le verdure per qualche minuto a fiamma viva quindi bagnatele con il brodo, incoperchiate e proseguite la cottura per una ventina di minuti.

Nel frattempo lessate il riso in abbondante acqua salata e scolatelo dopo una decina di minuti [circa a metà cottura]. Versatelo nella casseruola con l’intingolo di verdure, unitevi anche il formaggio grattugiato e mescolate bene.

Imburrate una pirofila, versatevi tutto il contenuto della casseruola, pareggiate la superficie e mettetela nel forno precedentemente scaldato a 200° lasciandovela per una decina di minuti fino a che il riso si sarà asciugato e si sarà formata una crosticina dorata.

Poiché il riso deve terminare la cottura in forno, l’intingolo di verdure, dovrà essere sufficientemente liquido affinché la preparazione non risulti dopo troppo asciutta.

Abbonati a Premium
X
X