Triglie al prosciutto

Difficoltà
Facile
Tempo
20 min di preparazione, 20 min di cottura
Tipo di cottura
Al forno
Dosi per
4 persone
Ingredienti
4 triglie di scoglio di circa 250 g l'una; 4 larghe fette di prosciutto crudo dolce; 3 cucchiai d'olio extravergine d'oliva; 2 o 3 spicchi d'aglio; salvia; sale e pepe.
Il consiglio
La triglia di scoglio [mullus surmuletus] da non confondere con quella di lago [mullus barbatus] , è chiamata dai gourmet beccaccia di mare per la sua caratteristica di avere le interiora commestibili ed è uno dei pesci più pregiati del mediterraneo. Non è molto facile distinguere dall'aspetto le due varietà: in ambedue i casi i pesci sono di un bel colore rosso e hanno due lunghi baffi posti nella mascella inferiore. Tuttavia la triglia di scoglio ha la testa affusolata e, negli esemplari molto freschi, delle strisce gialle sui fianchi. La triglia si può cucinare veramente in tutti i modi, è ottima anche bollita e condita solo con un filo d'olio ma, come tutte le cose preziose, è molto fragile e occorre quindi manipolarla con delicatezza e prestare attenzione alla cottura che deve essere molto breve.
Preparazione

Tagliate le pinne delle triglie quindi, con il dorso di un coltello o con l’apposito utensile squamatele [la triglia è un pesce molto fragile, agite quindi con molta delicatezza] quindi praticatevi un lungo taglio, dalla bocca all’apertura anale, e svuotatele. Lavatele sotto l’acqua corrente e asciugatele.

Insaporite con sale e pepe anche internamente quindi avvolgete ognuna con una fetta di prosciutto e sistematele serrate, una vicino all’altra, in una pirofila. Inframezzatele con qualche foglia di salvia fresca e distribuitevi gli spicchi d’aglio schiacciati.

Spruzzatele con l’olio e mettetele nel forno già caldo a 180°, lasciandole cuocere per circa venti minuti. Servitele ben calde.

Abbonati a Premium
X
X