L'aggiornamento del Federal register americano stavolta include anche i prodotti vitivinicoli italiani ed europei, finora graziati. Le tariffe per i prodotti in ingresso potrebbero salire dal 25% al 100%. Le associazioni sono in subbuglio. La ministra Bellanova chiede all'Ue di adottare contromisure urgenti.


LEGGI
Versione stampabile

 

USA – Spunta anche il vino made in Italy nel Federal register. Gli scenari possibili e i timori delle associazioni

ALMANACCO – Dagli accordi commerciali alla Brexit, dall’Unesco alla legge sull’enoturismo: il 2019 del vino in 12 notizie

GOVERNO – Tanta agricoltura nella nuova finanziaria: ecco le principali misure. Si parla anche di oleoturismo

FOCUS – Valtènesi si conferma una denominazione in rosa. Rieletto Luzzago alla guida del Consorzio

SICILIA – La Doc unica sotto attacco. Il Tar dà ragione a Duca di Salapatura, mentre Pantelleria presenta ricorso

DEAL – Nasce il più grande player vitivinicolo italiano: i dettagli dell’operazione Lavis-Cavit

CONSUMI – Quanto spendono gli italiani in regali vitivinicoli? Prosecco il più venduto. L’analisi Signorvino.

LIBRI – Letture sotto l’albero: 12 pubblicazioni dell’anno da non perdere. Per appassionati e neofiti

ESTERI – Diminuzione dei consumi, affermazione dei Paesi emergenti: 5 trend per il 2020 secondo Wine Intelligence

USA – Spunta anche il vino made in Italy nel Federal register . Gli scenari possibili e i timori delle associazioni