2 Lug 2015 / 18:07

Estate 2015, dove mangiare nel Conero? Miniguida golosa tra spiagge e colline, crudo di mare e vincisgrassi

 

Un viaggio tra le pinete che digradano sul mare rivelando baie nascoste e le rocche che punteggiano le colline dell'entroterra, tra la cucina di mare del litorale e la tradizione contadina delle ricette di terra. Alla scoperta del Conero attraverso le migliori soste di gusto.

Estate 2015, dove mangiare nel Conero? Miniguida golosa tra spiagge e colline, crudo di mare e vincisgrassi

 

Un viaggio tra le pinete che digradano sul mare rivelando baie nascoste e le rocche che punteggiano le colline dell'entroterra, tra la cucina di mare del litorale e la tradizione contadina delle ricette di terra. Alla scoperta del Conero attraverso le migliori soste di gusto.

a cura di
Tutta la gallery
Chiudi gallery

 

Identikit del Conero. Storia secolare tra mare e terra

Uscendo da Ancona, direzione sud, si imbocca la provinciale numero 1. Dietro al finestrino il colore intenso dei boschi e della macchia mediterranea rivela a tratti una distesa di mare blu, che in questa porzione di Adriatico sa essere particolarmente incontaminato, protetto dalla Riserva del Parco Naturale del Conero. Poi la strada si avventura verso l'entroterra, esplorando il fazzoletto verde della provincia anconetana incuneato tra il capoluogo marchigiano e la quiete di Porto Recanati, confine ideale della Riviera del Conero. Ancora oltre, allontanandosi dalla costa, il paesaggio si fa collinare, rivelando borghi e rocche antiche, teatro di un passato feudale fatto di corti signorili, dame e cavalieri.

È una scoperta che si snoda al ritmo lento di un adagio a disegnare l'itinerario perfetto per avvicinare il territorio del Conero, lasciarsi conquistare dalle semplicità di un'accoglienza calorosa e sorridente, sorprendersi per l'avvistamento di una caletta nascosta raggiungibile solo via mare, avventurarsi a cavallo o in mountain bike sui sentieri alle pendici del Monte Conero, che alla zona conferisce il nome e il suo profilo distintivo, tuffandosi nel mare Adriatico (da 572 metri d'altezza).

Un viaggio, tante anime da scoprire

Un passato importante che ha lasciato dietro di sé tracce significative di chi queste terre le ha abitate nei secoli antichi, la natura sfarzosa che presta il fianco al relax e all'attività sportiva, le rilassate località marittime, i sentieri della fede che confluiscono verso il Santuario di Loreto (ma provate a cercare indizi di un'accesa spiritualità anche tra cattedrali, pievi e abbazie di epoca romanica che scandiscono la visita dei borghi storici): arte, natura, storia, ospitalità sono le carte vincenti del Conero, che ha saputo conquistare anche il turismo internazionale, sviluppando una rete efficiente di strutture ricettive sul territorio, pur non intaccandone il fascino un po' schivo.

Tra i centri balneari più apprezzati, Sirolo sa coniugare la ricchezza artistica del nucleo antico con il mare cristallino che da vent'anni gli vale il titolo di Bandiera Blu d'Europa. Durante il giorno si esplorano i vicoli che ricalcano la fortificazione medievale (vale il viaggio anche la vicina Badia di San Pietro, edificata nell'XI secolo), nelle animate serate estive ci si ritrova in piazzetta; tra le spiagge più suggestive dell'intera Riviera, la ghiaia della baia Urbani si spinge fin alla grotta naturale che attrae i bagnanti più attivi, mentre solo via mare si raggiunge la spiaggia delle Due Sorelle, sorvegliata dai faraglioni bianchi che affiorano dall'acqua.

Il lungomare di Numana accoglie i turisti in cerca di un'atmosfera più vivace e mondana, con gli stabilimenti attrezzati e i locali notturni allineati sulla costa; di contro, il nucleo storico – l'antico borgo dei pescatori – rivela il fascino più discreto di Numana Alta, un fitto dedalo di viuzze colorato dalle vecchie abitazioni popolari che offre un panorama impagabile della Riviera.

L'entroterra. Percorsi sotterranei e spiritualità tra Osimo e Loreto

Lasciata la costa, risalendo l'entroterra, Osimo è la meta ideale per chi non resiste al fascino della storia; l'antica urbe di Auxinum si è trasformata più volte nel corso dei secoli e oggi si presenta come un'elegante cittadina tra palazzi signorili, caffè raffinati e shopping vivace. A chi ama scoprire tesori nascosti, però, basterà avventurarsi tra le grotte della città sotterranea, nel cuore segreto di Osimo fatto di pozzi, gallerie e cunicoli che custodiscono le storie di un'umanità varia: simbologie allegoriche e incisioni legate all'Ordine dei Templari, tracce di riti pagani e preghiere dei frati francescani...fino al più recente passato di bunker durante la Seconda Guerra Mondiale. Osimo è tutto questo, ma anche spiritualità (visitate il complesso del Duomo di San Leonardo, con cripta romanica e battistero) e tradizioni popolari che celebrano il rapporto con la campagna circostante, come la festa agostana del Covo, quando le spighe di grano si intrecciano per realizzare l'opera mariana che sfila per le strade di Campocavallo.

E così, sul percorso della fede, si giunge al Santuario di Loreto, meta mariana di pellegrinaggio incessante e pregevole architettura che vide all'opera artisti del calibro di Bramante e Sansovino. Più curioso il tour dei camminamenti di ronda che circondano il Santuario, ricordando il tempo in cui le incursioni turche provenienti dal mare minacciavano un simbolo della cristianità (e i tesori in esso custoditi!).

Il viaggio nell'entroterra si può concludere a Offagna, per visitarne il borgo medievale raccolto intorno alla rocca, importante esempio di architettura militare, oggi sede museale.

Il Conero a tavola. Crescia, moscioli, extravergine e ciauscolo

Qui sopravvive una delle tradizioni più antiche della cultura gastronomica locale, e non sarà difficile scovare qualche vecchio alimentari per assaggiare la crescia realizzata secondo la ricetta locale: farina, lardo, strutto e olio d'oliva, un passaggio sulla brace e farcitura a piacere, dalla carne alle brace agli affettati, alle foie de campo raccolte in campagna. D'altronde l'identità culinaria di queste terre affonda le radici nel rapporto prolifico con le risorse di un territorio, spaziando dallo stocco all'anconitana, dai frascarelli a base di polenta bianca alla coda di rospo in potacchio, dai moscioli selvatici di Portonovo (li troverete solo ad Ancona, Sirolo, Numana) ai vincisgrassi della domenica, dalla lonza di fichi al brodetto di Porto Recanati.

E poi tanti prodotti di qualità – ciauscolo, tartufi, miele ed extravergine, ma anche i vini che raccontano la viticoltura collinare, il Rosso Conero e il Verdicchio – che definiscono una cucina semplice da proporre in famiglia recuperando vecchie ricette o da gustare di sosta in sosta negli indirizzi più meritevoli della zona. Che vi consigliamo qui, selezionandoli dalle guide del Gambero Rosso.

 

 

CONSIGLI DALLA GUIDA RISTORANTI D’ITALIA 2015 (comprala qui) 

Andreina (Loreto): Un'istituzione cittadina da tre generazioni che ruota intorno alle specialità da camino: brace e spiedo che incontrano i prodotti del territorio, il quinto quarto di Scottona e il girello tonnato e la testina, la lingua arrostita in salsa verde, piccione, allodole, tordi, maialino e capretto. Pasta ripiena fatta in casa e ottimi dolci. Carta dei vini territoriale e menu degustazione.

La Torre (Numana): Terrazza sul mare con vista sul Monte Conero, cucina di pesce e menu personalizzati (anche per celiaci). Buoni i crudi e i primi di mare. Carta dei vini a prevalenza bianca.

Osteria Sara (Sirolo): Cucina della tradizione familiare in questa osteria autentica che propone pochi piatti in carta con prodotti sempre freschissimi del territorio circostante e il pescato del giorno. Dolci al cucchiaio squisiti. Vini regionali e servizio premuroso.

Clandestino Susci Bar (Portonovo): Il capanno di Moreno Cedroni nella baia di Portonuovo è un paradiso per gli amanti del crudo, ideale per aperitivo o cena. Nessuna scansione in portate, ma un menu degustazione che vi farà apprezzare il genio di Cedroni e la sua evoluzione negli anni. Da bere bollicine italiane e straniere, etichette regionali e vini da meditazione.

Il Fortino Napoleonico (Portonovo): Ambientazione suggestiva e spazio esterno con vista mare. Cucina bilanciata tra terra e mare.

Opera Nova della Marca (Varano): Siamo in campagna e la proposta è quella di una verace cucina della tradizione: salumi e formaggi dei produttori locali, ravioli con pesto di rucola, petto d'anatra e coniglio cotto a bassa temperatura. Servizio gentile e preciso.

Saviotti (Massignano): Vista incantevole (sulla strada panoramica verso Portonovo), accoglienza premurosa, centinaia di etichette in carta. E due menu degustazione, di pesce o carne, che accontentano tutti con originalità. Materie prime sempre fresche e non solo eccellenze locali. Ideale per una sosta lungo il viaggio alla scoperta del Conero.

 

CONSIGLI DA STREET FOOD 2016 (comprala qui)

 

Sabay Bar (Sirolo): Immerso nella pineta in cima al Monte Conero, con amache e grandi cuscini, l'offerta è semplice e spazia dai panini alle piadine, dai fritti a qualche primo piatto di pesce. Apertura stagionale in primavera ed estate (fino all'1 di notte)

Il Chiosco di Morena (Ancona): Facciamo tappa ad Ancona per raggiungere questo chiosco in pieno centro che offre cibo da consumare in velocità, ma non per questo meno curato: piatti di pesce della tradizione, moscioli e sardoncini, cannelli gratinati e raguse al sugo. Si consuma nel gazebo del chiosco (non c'è servizio al tavolo). In abbinamento un buon calice di Verdicchio. Ideale per l'aperitivo.

 

CONSIGLI DALLA GUIDA PIZZERIE D’ITALIA (comprala qui)

 

Sotto la Rocca (Offagna): Pizza in formato maxi da dividere tra commensali, farcita con ingredienti sempre diversi. E solo pizza, nessun antipasto o fritto d'apertura. Bella vista sulla Rocca.

 

CONSIGLI DA BAR D’ITALIA 2015 (comprala qui)

 

American Bar Coppo (Sirolo): Indirizzo ideale per un aperitivo, un buon cocktail o una pausa pranzo veloce con prodotti di qualità. Buona anche la colazione, cornetti, brioches e cappuccini a regola d'arte.

 

CONSIGLI DALLA GUIDA PASTICCERI&PASTICCERIE 2015 (comprala qui)

 

Il Picchio (Loreto): Creazioni dolci e salate in questa elegante pasticceria che offre un'ampia selezione di specialità, dai bignè ai semifreddi, dalle tartellette con crema pasticcera, a meringhe, macaron e millefoglie. La cupola è la creazione originale del laboratorio.

Lombardi (Osimo): Alle porte del centro storico di Osimo, sono tante le creazioni golose esposte dietro al banco di questa pasticceria. Lievitati eccellenti – come il cornetto ripieno di pasta di mandorle – Montblanc e semifreddi. Servizio molto premuroso.

 

 

a cura di Livia Montagnoli

 

 

 

 

Andreina | Loreto (AN) | via Buffolareccia | tel. 071.970.124 | www.ristoranteandreina.it/index.php

La Torre | Numana (AN) | Via La Torre, 1 | tel. 071 9330747 | www.latorrenumana.it/

Osteria Sara | Sirolo (AN) | Via Italia | tel. 071 933 0716 | www.facebook.com/pages/Osteria-Da-Sara-Sirolo/295040670578862

Clandestino Susci bar | Baia di Portonovo (AN) | via Porto Novo | tel. 071 801422 | www.morenocedroni.it/clandestino/il-locale/

Il Fortino Napoleonico | Portonovo (AN) | via Poggio | tel. 071 8014.50 | www.hotelfortino.it/it-it/ristorante.aspx

Opera Nova della Marca | Varano (AN) | via Varano, 127 | tel. 071 2861093 | www.operanovadellamarca.it/

Saviotti | Massignano (AN) | Frazione Massignano, 3 | tel. 071 280 0499 | www.saviotti.com/

Sotto la Rocca | Offagna (AN) | via dell'Arengo 71 | tel. 071 7107198 | www.barpizzeriasottolarocca.com/

Sabay Bar | Sirolo (AN) | via Monte Conero | tel. 331 81 67 896 | www.facebook.com/pages/Sabay-Bar-Monte-Conero/217349585042351

Il Chiosco di Morena | Ancona | Corso Giuseppe Mazzini | www.facebook.com/pages/Il-Chiosco-Di-Morena-Ancona-Centro/131356076999895

Il Picchio | Loreto (AN) | via Traversa E. Rampolla 2, 4, 6, 8 | tel. 071 977760 | www.pasticceriapicchio.com/picchio/

Lombardi | Osimo (AN) | via Cristoforo Colombo 145 | tel. 071 714875 | www.pasticcerialombardiosimo.com/

Coppo | Sirolo (AN) | via Coppo 32 | tel. 071 9330292 | www.americanbarcoppo.it/

 

Per acquistare la guida Ristoranti d’Italia 2015 del Gambero Rosso clicca qui. Disponibile anche l’App qui
Per acquistare la guida Bar d’Italia 2015 clicca qui. Disponibile anche l’App qui
Per acquistare la guida Pasticceri&Pasticcerie 2015 clicca qui


Per leggere Miniguida di Livorno. Il porto toscano del cacciucco e della torta di ceci cliccaqui
Per leggere Miniguida di Parma. La città del buon gusto tra salumi pregiati e alta pasticceria cliccaqui
Per leggere Miniguida di Salerno. Mare, pizza e mozzarella di bufala nel capoluogo del Cilento cliccaqui
Per leggere Miniguida di Perugia. Piatti della tradizione e grandi prodotti del territorio: torta al testo, salumi e selvaggina cliccaqui
Per leggere Miniguida di Trieste. Cucina cosmopolita ed eleganti caffè, tra jota, prosciutto in crosta e Sacher Torte clicca qui
Per leggere Miniguida di Catania. La storia e il mare nel piatto: pasta alla Norma, sarde a beccafico, cannoli siciliani e frutta martorana cliccaqui
Per leggere Miniguida di Bolzano. Selvaggina, pane di segale, speck e formaggi malga per una cucina che parla tirolese clicca qui
Per leggere Miniguida di Lecce. Tutto il gusto della cucina povera tra i gioielli del barocco salentino cliccaqui
Per leggere Miniguida dell’Aquila. La semplicità nel piatto e grandi materie prime di una città tenace cliccaqui
Per leggere Miniguida di Bergamo. Dove mangiare i piatti della tradizione contadina. E non solo cliccaqui
Per leggere Miniguida di Ravenna. Ori bizantini e una ricca tradizione nel piatto cliccaqui
Per leggere Miniguida di La Spezia. Cibo di strada e cucina ligure in tavola cliccaqui
Per leggere Miniguida di Matera. I sapori della tradizione custoditi dai Sassi cliccaqui
Per leggere Miniguida di Modena. Tradizione e alta cucina all'ombra della Ghirlandina cliccaqui
Per leggere Miniguida di Macerata. Terra di armonie tra ciauscolo e vincisgrassi cliccaqui
Per leggere Miniguida di Cagliari. Identità isolana in tavola e tra i bastioni della città cliccaqui
Per leggere Miniguida di Varese. La città-giardino tra pesce di lago e sapori della terra cliccaqui
Per leggere Miniguida di Vercelli. Accolti dalle risaie nel Piemonte di rane e panissa clicca qui
Per leggere Miniguida di Brescia. Anima longobarda, polenta taragna e pesce di lago clicca qui
Per leggere Miniguida di Piacenza. Dalla Via Emilia alla Francigena: coppa, grana e tortelli con la coda cliccaqui
Per leggere Miniguida di Asti. Una cucina contadina regale: agnolotti gobbi, bollito misto e bonet clicca qui
Per leggere Estate 2015: dove mangiare in Versilia? Miniguida a ristoranti, bar e street food clicca qui
Per leggere Estate 2015: dove mangiare nel Ponente Ligure? Miniguida a mete gourmet, bar e street food clicca qui

 

 

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition