Decapitate le acciughe, svuotatele e dividetele a filetti togliendo contemporaneamente la lisca quindi lavatele e asciugatele. Lavate e tritate il prezzemolo.

Scaldate l'olio in una padella e fatevi imbiondire lo spicchio d'aglio leggermente schiacciato. Quando l'aglio avrà preso colore, scartatelo e mettete nella padella i filetti di acciughe.

Fateli cuocere un paio di minuti per parte quindi salateli e sgocciolateli dall'olio, metteteli in una ciotola e tritateli grossolanamente schiacciandoli con una forchetta.

Unitevi l'uovo intero, il prezzemolo, il formaggio, il pepe e il pangrattato. Impastate bene gli ingredienti, meglio se con le mani, fino ad avere un composto omogeneo e sufficientemente solido da poter essere modellato a polpette.

Formate con il composto delle crocchettine ovali delle dimensioni di un'albicocca, passatele nella farina, nell'uovo sbattuto e infine nel pangrattato rivestendole in maniera uniforme.

Scaldate abbondante olio nella padella dei fritti [175°] e friggetevi le crocchette. Quando saranno ben dorate, tiratele su e passatele su un doppio foglio di carta da cucina. Spolveratele di sale e servitele caldissime.... 07 Gennaio 2008
Svuotate le sarde senza squamarle quindi lavatele e asciugatele. Tritate le erbe aromatiche insieme allo spicchio d'aglio, mettetele in una ciotola e mescolatele con l'olio e l'aceto, sale e abbondante pepe.

Aggiungete le sarde, rigiratele bene dentro al condimento e lasciatele insaporire per un'oretta.

Al momento di cuocerle, preparate un bel letto di brace di legna e allineate i pesci in una griglia doppia in modo che sia più facile girarli.

Appoggiate la griglia sulla brace e lasciate cuocere le sarde tre o quattro minuti per parte. Servitele caldissime, non appena tolte dal fuoco.... 07 Gennaio 2008
Tuffate i pomodori per pochi secondi in acqua in ebollizione quindi passateli nell'acqua fredda e pelateli. Divideteli in due, privateli dei semi e spezzettateli.

Scaldate l'olio in una padella e, a fuoco moderato, fatevi imbiondire gli spicchi d'aglio spellato. Prima che gli spicchi d'aglio si scuriscano, toglieteli dalla padella e versatevi i pomodori e qualche foglia di basilico.

Insaporite con sale e pepe e lasciate cuocere a fuoco vivace per una decina di minuti fino a quando i pomodori si saranno un po' asciugati senza tuttavia disfarsi.

Rompete un uovo in una piattino e fatelo scivolare sui pomodori e fate così anche con le altre uova cercando di distibuirle nella padella in maniera regolare.

Mettete un coperchio sulla padella e lasciate cuocere le uova per tre o quattro minuti in modo che rimangano morbide.

Spolverate le uova di sale e pepe appena macinato quindi fate scivolare il contenuto della padella in una piatto da portata rotondo e servite subito.... 07 Gennaio 2008
Preparazione: 20 minuti + 2 ore di frigorifero   Tuffate i pomodori per pochi secondi in acqua in ebollizione, passateli nell'acqua fredda, pelateli e spezzettateli privandoli dei semi. Sbucciate il cetriolo e mondate i peperoni dai semi e dai filamenti bianchi.

Mettete il pane a bagno in acqua fredda. Raccogliete nel bicchiere del mixer gli spicchi d'aglio, spellati e schiacciati, un peperone e mezzo tagliato a pezzettini e mezzo cetriolo affettato.

Frullate fino ad avere un passato liscio e fluido e versatelo in una zuppiera. Mettete nel mixer i pomodori e il pane, sgocciolato e strizzato, e frullate.

Quando il composto sarà diventato cremoso, unitevi l'olio, l'aceto, il sale e frullate ancora. Versatelo nella zuppiera e sbattete con una forchetta, aggiungendo l'acqua fredda necessaria per avere una crema molto fluida.

Coprite la zuppiera e tenetela in frigorifero per un paio d'ore prima di servire. Accompagnate il gazpacho con le verdure avanzate, tagliate a dadini e disposte in ciotoline separate, aggiungendo, a piacere, dei cipollotti freschi tritati e dadini di pane tostato.... 07 Gennaio 2008
Sgusciate i fagioli, lavateli e metteteli in una casseruola di media grandezza. Copriteli di acqua fredda che li sopravanzi di due dita e unitevi i due spicchi d'aglio, un pezzetto di sedano e una manciatina di sale.

Metteteli sul fuoco e, non appena si alza l'ebollizione, abbassate la fiamma al minimo e lasciateli cuocere per poco più di un'ora fino a quando saranno teneri. Spellate le cipolle, dividetele in due in verticale e affettatele sottilissime.

Mettetele in una ciotola e tenetele per un'oretta a bagno in abbondante acqua fredda, cambiandola tre o quattro volte. Lavate le coste di sedano, ripulitele perfettamente dai filamenti duri e tagliatele a fettine. Quando i fagioli sono cotti, scolateli, scartate gli spicchi d'aglio e il sedano e metteteli in un'insalatiera.

Lasciateli intiepidire e unitevi il sedano affettato e la cipolla, scolata e asciugata dentro un canovaccio. Condite l'insalata con olio, sale e pepe e servite anche dopo qualche ora.... 07 Gennaio 2008
Lavate le melanzane, privatele del gambo e tagliatele a tocchetti senza sbucciarle. Mettetele in un colapasta e spolveratele abbondantemente di sale e lasciatele spurgare per circa un'ora.

Lavate le coste di sedano, mondatele con cura dai filamenti e tagliatele a tronchetti di mezzo cm. Tuffate i pomodori per pochi secondi in acqua in ebollizione quindi passateli sotto l'acqua fredda, pelateli, privateli dei semi e spezzettateli.

Snocciolate le olive e dividetele in due. Scaldate l'olio in una larga padella e fatevi soffriggere la cipolla fino a quando diventa color oro. Unitevi i pomodori e il concentrato e lasciate cuocere, a fuoco medio e senza coperchio, per un decina di minuti.

Insaporite con sale [poco] e pepe e aggiungete il sedano, le olive, i pinoli e i capperi ben sciacquati dal sale. Sciogliete lo zucchero nell'aceto e versatelo nel sugo, mescolando bene.

Lasciate cuocere a fuoco dolce per circa venti minuti in modo che si amalgamino i sapori e la salsa risulti piuttosto densa e ben legata. Sciacquate le melanzane sotto l'acqua corrente, asciugatele premendole leggermente dentro un canovaccio e friggetele, in due o tre volte, in abbondante olio ben caldo [180].

Quando saranno ben dorate, scolatele e passatele su un doppio foglio di carta da cucina. Una volta che saranno tutte pronte, aggiungetele alla salsa, mescolate e lasciate stufare dolcemente per cinque minuti.

La caponata si gusta fredda, a temperatura ambiente, cosparsa di basilico spezzettato. La caponata, conservata ben chiusa, in frigorifero si mantiene bene per due o tre giorni, guadagnando addirittura in sapore. Toglietela comunque dal frigo almeno un'ora prima di servirla.... 07 Gennaio 2008
Lavate i peperoni, asciugateli e passateli direttamente sulla fiamma del gas avendo cura di abbrustolirli completamente. Per facilitare l'operazione di spellatura, via via che saranno pronti, riponete i peperoni in un sacchetto di carta da pane.

Dopo circa mezz'ora la pellicina si staccherà facilmente. Nel frattempo raschiate leggermente le acciughe, sciacquatele, asciugatele e dividetele a filetti.

Quando i peperoni si saranno intiepiditi, raschiateli con un coltello per togliere la pelle bruciacchiata e ripuliteli con la carta da cucina evitando di lavarli.

Divideteli in falde regolari che avvolgerete attorno a due o tre filetti di acciuga formando degli involtini. Allineateli in un piatto profondo, cospargeteli di sale e pepe e conditeli con l'olio.

Sigillati con pellicola trasparente e tenuti in frigo, questi involtini si mantengono bene per un paio di giorni.... 07 Gennaio 2008
Lavate e asciugate i pomodori quindi tagliate da ognuno la calotta superiore che servirà dopo da coperchio. Svuotateli completamente con un cucchiaino lasciando le pareti intatte e conservate quanto avete tolto.

Riunite in una terrina il riso, il prezzemolo, il basilico e l'aglio tritati e unitevi il contenuto dei pomodori passato al passaverdure. Aggiungete anche la metà dell'olio, sale e pepe e mescolate con cura.

Accomodate i pomodori in una pirofila unta d'olio che li contenga giustamente, salateli leggermente all'interno e distribuitevi il composto di riso [dovrà arrivare circa a metà dei pomodori in quanto con la cottura aumenta molto in volume].

Coprite ogni pomodoro con il proprio coperchietto e spruzzatevi sopra un po' d'olio. Sbucciate le patate, tagliatele a spicchi verticali, lavatele, asciugatele e distribuitele fra i pomodori.

Mettete la pirofila nel forno già scaldato a 180° e lasciate cuocere per circa un'ora. Servite i pomodori tiepidi o freddi nello stesso recipiente di cottura.... 07 Gennaio 2008
Togliete le barbe alle cozze quindi, tenendole sotto il getto dell'acqua, passatele energicamente con una spazzolina dura.

Risciacquatele ancora diverse volte e mettetele senza alcun condimento in una pentola munita di coperchio. Ponete la pentola sul fuoco vivace, fino a che le cozze saranno tutte aperte.

Mentre le cozze si intiepidiscono, preparate il sugo. Pelate i pomodori dopo averli tuffati per pochi secondi in acqua in ebollizione e subito dopo in acqua fredda. Divideteli in due, privateli dei semi e spezzettateli.

Mettete gli spicchi d'aglio leggermente schiacciati in una padella con l'olio e fateli imbiondire a fuoco moderato quindi scartateli e aggiungete i pomodori.
Alzate la fiamma e fate giustamente asciugare il sugo.

Sgusciate le cozze, scartando quelle che non si sono aperte e conservandone alcune delle più belle per decorare il piatto.

Tritatene grossolanamente una metà e unitele al sugo insieme a quelle intere e alla metà del liquido che avranno emesso durante l'apertura [fatto riposare e versato lentamente per evitare eventuali granelli di sabbia].

Fate restringere ancora il sugo per qualche minuto quindi cuocete gli spaghetti al dente, conditeli con il sugo di cozze e con un'abbondante macinata di pepe, mescolate, spolverateli di prezzemolo tritato e decorate il piatto con i molluschi lasciati interi.... 07 Gennaio 2008
Tuffate i pomodori per qualche secondo in acqua in ebollizione, passateli nell'acqua fredda quindi pelateli, privateli dei semi e tagliateli a pezzetti. Lavate i peperoni, divideteli nel senso della lunghezza quindi scartate i semi e i filamenti bianchi interni e tagliateli a listerelle.

Mondate la cipolla, affettatela sottilmente e mettetela in un tegame con l'olio e lo spicchio d'aglio intero. Lasciatela appassire a fuoco moderato e, quando comincia a prendere colore, unitevi i pomodori e alzate la fiamma. Insaporite con sale e pepe e dopo qualche minuto unite i peperoni.

Incoperchiate e proseguite la cottura per una ventina di minuti fino a quando i peperoni saranno teneri e la preparazione quasi asciutta. Mettete a cuocere la pasta e, un minuto prima di scolarla, rompete un uovo alla volta in un piattino e fateli scivolare sopra il sugo di peperoni, distanziandoli l'uno dall'altro e mantenendo la fiamma al minimo.

Quando le uova saranno leggermente rapprese, ma non cotte e con il tuorlo ancora morbido, spolveratele di sale e pepe, spegnete la fiamma e versatevi sopra i bucatini appena scolati e qualche foglia di basilico spezzettata.

Mescolate rapidamente la pasta con due forchette e servitela ben calda spolverata di parmigiano grattugiato.... 07 Gennaio 2008

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition