14 Giu 2013 / 18:06

Identità Rubitt. L'alta cucina in piccoli piatti va in scena a Milano al Dopolavoro Bicocca. Viviana Varese, i Costardi e tanti altri chef alle prese coi piattini gourmet

Undici cuochi si alternano con preparazioni dove il formato è ridotto ma il gusto no, per dimostrare che l'alta qualità non può esistere solo nei grandi ristoranti. Paolo Marchi ci racconta l'evento.
Identità Rubitt. L'alta cucina in piccoli piatti va in scena a Milano al Dopolavoro Bicocca. Viviana Varese, i Costardi e tanti altri chef alle prese coi piattini gourmet
Undici cuochi si alternano con preparazioni dove il formato è ridotto ma il gusto no, per dimostrare che l'alta qualità non può esistere solo nei grandi ristoranti. Paolo Marchi ci racconta l'evento.
Per noi i rubitt, intesi come grandi piatti in piccole porzioni, tapas per chi ama parlare alla moda, mai e poi mai dei finger food, sono la risposta di qualità alle nefandezze che si compiono nel segno dell'happy hour.” In questo mood molto diretto e deciso Paolo Marchi, giornalista e organizzatore del congresso gastronomico Identità Golose introduce Identità Rubitt, che va in scena domenica 16 giugno 2013. “E' un discorso trito e ritrito” continua Marchi“ma nella stragrande maggioranza dei casi il contorno degli aperitivi a Milano meriterebbe di finire nel bidone della spazzatura, invece i gestori hanno trovato il modo per fare soldi con la rumenta. Bravissimi, noi invece tifiamo per chi mette attenzione, qualità e rispetto per il cliente e la sua salute e così ecco la seconda giornata dei rubitt (robette in milanese), come la prima all'HangarBicocca, estremo nord meneghino”. Una giornata dunque dedicata alla grande cucina in piccoli piatti, con un percorso guidato da undici chef che proporranno le loro preparazioni proprio nel nuovo ristorante dell'HangarBicocca (lo spazio espositivo dedicato all’arte contemporanea del Gruppo Pirelli), il Dopolavoro Bicocca, dalle 12 fino alle 21.
Abbiamo scelto i rubitt per celebrare la convivialità del cibo, per permettere alle persone di conoscere bravi cuochi e bravi pasticcieri, per mangiare buone preparazioni a un prezzo umano” ci spiega sempre Marchi illustrandoci le caratteristiche dell'evento “gli chef sono stati selezionati per la loro credibilità a livello professionale, per la loro capacità di modulare la loro cucina, per non essere cuochi bravi solo tra le mura delle loro cucine, per sapersi confrontare, per arricchirsi di nuove idee, per sapere stare assieme tra loro”.


I protagonisti e i piatti della giornata

Paolo Casanova - Dopolavoro Bicocca, Milano
Gnocco di pane e borragine su fresco di latte - Pane conzatù

Cesare Battist - Ratanà, Milano
Pane, lingua e salsa verde alla santoreggia

Andrea Besuschio - Pasticceria Besuschio, Milano
Club walking: mandorla amarena e limone

Christian e Manuel Costardi - Cinzia Da Christian e Manuel, Vercelli
Un baccalà a Tropea - Spuma di Grana Padano, riduzione di birra e polvere di caffè

Alice Delcourt - Erba Brusca, Milano
Trota marinata all'olio con pompelmo

Giovanni Giberti - Pavè, Milano
Croccante di pane al profumo di lime e cumino selvatico con cremoso al cioccolato al latte 40% e lamponi

Eugenio Roncoroni e Beniamino Nespor - Al Mercato, Milano
Blackened chicken sandwich - Insalata di orecchie di maiale

Viviana Varese - Alice, Milano
Passatina di pomodoro con ricotta e sgombri - Piadina di melanzana affumicata con verdure di stagione

Matteo Vigotti - Peck, Milano
Mini Peck Sandwich di granchio - L’Estate veste il patè


La giornata ha il costo complessivo di 25 euro, la quota di partecipazione prevede la consumazione di nove Rubitt, acqua, una bibita San Pellegrino, una birra della Moretti, caffè. Il vino e ogni altro piatto/consumazione supplementare avrà il costo di 3 euro (fino a esaurimento).
Dopolavoro Bicocca | Milano | Via Chiese 2, 20126 | Tel. 02 6431111 | www.hangarbicocca.org
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition