13 Ott 2017 / 13:10

La Rinascente Tritone apre a Roma. Foto e protagonisti della food hall con terrazza mozzafiato

Un ristorante d'autore affidato alla cucina di Riccardo Di Giacinto, che coordina pure la proposta del cocktail bar in terrazza, al settimo piano; l'enoteca-bistrot di Feudi di San Gregorio e il sushi brasiliano di Temakinho. E ancora il juice bar di ViviBistrot e la pasticceria di Bompiani. La food hall della nuova Rinascente di Roma apre le porte al pubblico. 

La Rinascente Tritone apre a Roma. Foto e protagonisti della food hall con terrazza mozzafiato

Un ristorante d'autore affidato alla cucina di Riccardo Di Giacinto, che coordina pure la proposta del cocktail bar in terrazza, al settimo piano; l'enoteca-bistrot di Feudi di San Gregorio e il sushi brasiliano di Temakinho. E ancora il juice bar di ViviBistrot e la pasticceria di Bompiani. La food hall della nuova Rinascente di Roma apre le porte al pubblico. 

Tutta la gallery
Chiudi gallery

Inaugura la Rinascente Tritone

L'attesa è finita. Dopo undici anni di cantiere, uno scavo archeologico che ha riportato alla luce una porzione dell'Acquedotto Vergine e una ristrutturazione che ha interessato 15mila metri quadri su otto piani, La Rinascente Tritone si è rivelata alla città. Nel centro di Roma, con ingressi su via del Tritone e via dei Due Macelli, lo store del gruppo thailandese Retail Center è il secondo in città, il più ambizioso. E arriva nell'anno dei festeggiamenti per il centenario del brand fondato a Milano nel 1917. In numeri, il progetto ha richiesto 250 milioni di investimenti (di cui 50 a carico dei brand concessionari degli spazi), ma l'idea è quella di eguagliare i risultati dello store milanese, che accoglie 8 milioni di visitatori ogni anno. Certo, l'ambizione del progetto fa ben sperare. Penultimo e ultimo piano, con straordinaria terrazza su tetti e cupole della Capitale, ospitano la food hall -  a immagine e somiglianza della gemella meneghina  - di cui avevamo anticipato qualcosa qualche settimana fa, confermando la presenza di Riccardo Di Giacinto e Ramona Anello, con il ristorante gastronomico del sesto piano e l'uso esclusivo della terrazza lounge bar al settimo. Ora che il mall è ufficialmente aperto, percorriamo la food hall alla scoperta di tutte le realtà coinvolte, con il supporto delle prime, suggestive, immagini dello spazio, a cura dello studio londinese Lifschutz Davidson Sandilands (ma sono diversi gli studi di architettura internazionali coinvolti nella ristrutturazione dell'intero complesso, dalla facciata di Vincent van Duysen al terzo piano di Paolo Lucchetta per la moda uomo).

La food hall. Chi c'è

Riccardo Di Giacinto e il suo team, dunque, articoleranno la proposta gastronomica di MadeITerraneo terrace restaurant – cucina mediterranea, da bistrot d'autore, con offerta che cambia nel corso della giornata - mentre all'ultimo piano l'Up Sunset Bar, con i suoi divanetti verde pastello, le palmette, gli ombrelloni ecru e l'incredibile vista a 360 gradi sulla città, funzionerà da cocktail bar con cucina indipendente, con la possibilità di gustare una pizza in terrazza.

Ma nella food hall del sesto piano hanno trovato spazio anche il sushi brasiliano di Temakinho (il terzo locale in città, dopo Monti e Prati), ben riconoscibile con la sua carta da parati sgargiante, e un nuovo corner di ViviBistrot, già presente in centro città all'interno di Palazzo Braschi.

Meno annunciata, la presenza della pasticceria Bompiani, con le creazioni del pasticcere Walter Musco: una variegata proposta al banco di macaron, biscotti e praline, che completa l'offerta dolce a scaffale.

La cantina Feudi di San Gregorio, invece, presenta la propria selezione di vini in abbinamento con una proposta di gastronomia fredda e cucina della tradizione: un bistrot ispirato alla tradizione romana, con un'ampia scelta di etichette delle aziende del gruppo vinicolo, alla mescita o in bottiglia. Aperto dalla tarda mattinata fino a sera proporrà spuntini, pranzo, aperitivo e cena, nello spazio di una bottega alimentare di stampo contemporaneo, che presta grande attenzione alla valorizzazione delle materie prime, di Lazio e Campania. Per l'aperitivo, oltre ai taglieri di salumi e formaggi (comprese la selezione Carmasciando di Avellino, mozzarella di bufala e burrata), sott'oli e conserve di pesce, da accompagnare con la pizza bianca romana. Dalla cucina, invece, spaghetti alla carbonara, tonnarelli cacio e pepe, saltimbocca e baccalà alla romana, oltre ai burger di manzo (o ceci, nella variante vegetariana), l'uovo bio al tegamino, il minestrone dell'orto.

Qualche dubbio che l'impresa sarà un successo?

 

Rinascente Tritone | Roma | via del Tritone, 61 | www.rinascente.it

 

a cura di Livia Montagnoli

Foto di Lucilla Loiotile

 

Abbiamo parlato di:
Precedente
Successivo

Partecipa alla discussione

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition