Tagliare grossolanamente la zucca e farla stufare in una padella con due cucchiai di olio extravergine d’oliva e mezzo scalogno tritato. Salare e lasciar cuocere per circa 15 minuti. Frullare un terzo della zucca preparata e tenere da parte. Tagliare la provola a dadini e metterla in una ciotolina. Tagliare il guanciale a cubetti e farlo rosolare in padella antiaderente, messa sul fuoco qualche istante prima (non occorre aggiungere olio, il guanciale tirerà fuori il suo grasso). Cuocere fino a rendere il guanciale croccante, togliere dal fuoco e lasciar scolare su carta assorbente. Versare la pasta in acqua bollente e salata e scolare tre minuti prima rispetto al tempo indicato sulla confezione (conservare sempre un bicchiere di acqua di cottura). Mantecare la pasta in padella con la zucca a dadini, aggiungere la zucca frullata, se necessario un cucchiaio di acqua di cottura e la provola (chi non ama la provola filante nel piatto la può aggiungere a fuoco spento, rimane compatta e il sapore non cambia). Servire nei piatti e guarnire con il guanciale croccante. A cura di Sara Bonamini... 09 Novembre 2010

Riempire poco più della metà di una pentola dai bordi alti con acqua fredda, una cipolla divisa in due, i pomodorini spaccati, il prezzemolo, la patata, la carota e qualche gambo di fungo. Metter sul fuoco e cuocere il brodo vegetale a fiamma media per almeno un’ora e salare. Pulire accuratamente i funghi, tagliare grossolanamente i finferli e affettare i pioppini avendo cura di lasciare intatto il cappello. Far soffriggere in una pentola uno spicchio d’aglio e due gambi di prezzemolo con due cucchiai di olio. Aggiungere i funghi, salare e lasciar cuocere per qualche minuto. Togliere dal fuoco la metà dei funghi cotti, tritarli con il frullatore a immersione e mettere da parte. A poco a poco unire il brodo vegetale, almeno quattro mestoli, e cuocere per una decina di minuti a fiamma media. Aggiungere i funghi frullati, mescolare bene e cuocere ancora per qualche minuto, spegnere il fuoco e lasciar riposare.

Per i crostini di pane da servire con la zuppa (almeno quattro a persona): affettare la ciriola a fettine non più spesse di un centimetro e cuocere in forno a 180° finché non saranno ben dorate. Infine condire il pane con una salsina di olio extravergine e foglie di prezzemolo tritate.


... 05 Novembre 2010

Riempire poco più della metà di una pentola dai bordi alti con acqua fredda, una cipolla divisa in due, i pomodorini spaccati, il prezzemolo, la patata, la carota e qualche gambo di fungo. Mettere sul fuoco e cuocere il brodo vegetale a fiamma media per almeno un’ora e salare. Tagliare la buccia di un’arancia, priva della parte bianca. Versare in un pentolino due cucchiai di zucchero, due cucchiaini di acqua e lasciar sciogliere fino a ottenere uno sciroppo, quindi unire la buccia d’arancia e lasciar caramellare per qualche minuto. Far raffreddare la scorza su un tagliere e tagliare a listarelle sottili.

Pulire con cura i funghi, separare i gambi dai cappelli e affettare i porcini. In una pentola antiaderente lasciar fondere il burro a fuoco basso e unire la cipolla bianca tritata finemente, far soffriggere e unire i funghi. Cuocere i porcini per tre, quattro minuti, quindi versare il riso e far brillare. Versare il brodo vegetale fino a coprire, cuocere mescolando di tanto in tanto (è importante non girare troppo per non rompere il riso) e aggiungere ancora brodo. A fine cottura, dopo circa 15 minuti, aggiungere il parmigiano grattugiato e spegnere il fuoco. Lasciar riposare per circa un minuto. Servire e guarnire con le scorzette d’arancia candite.

... 05 Novembre 2010

Pulire gli ovoli e separare i gambi dai cappelli. Mettere da parte metà dei cappelli tagliati a fettine sottili. Intanto, mettere sul fuoco la pentola d’acqua per la pasta. Tagliare grossolanamente il resto dei funghi, in una padella far soffriggere in due cucchiai di olio, uno spicchio d’aglio e due gambi di prezzemolo, quindi unire i funghi, salare e cuocere per una decina di minuti a fuoco medio (se necessario aggiungere due cucchiai di brodo vegetale o di acqua di cottura della pasta). Togliere i funghi dal fuoco e tritare con il frullatore a immersione fino a ottenere un composto cremoso. Nella stessa padella rosolare con un filo d’olio i cappelli tagliati a fettine sottili fino a renderli croccanti, quindi metterli da parte. Cuocere la pasta in acqua bollente, scolare al dente avendo cura di conservare un bicchiere di acqua di cottura. Ripassare la pasta in padella con la crema di ovoli, aggiungere un goccio di acqua di cottura se la pasta risulta troppo secca. Prima di servire, guarnire con i funghi croccanti e il prezzemolo tritato.

... 05 Novembre 2010
Mondare i broccoletti (separare delicatamente le foglie dal gambo e tenere solo le foglie), lavare in acqua fresca e asciugare. Cuocere per qualche minuto in acqua bollente e salata, quindi scolare e lasciar raffreddare. Scolare i pomodorini dall’olio e mettere da parte. In una padella antiaderente far soffriggere uno spicchio d’aglio in tre cucchiai di olio extravergine d’oliva, aggiungere circa un terzo dei pomodorini (gli altri serviranno alla fine per guarnire) e cuocere per circa quattro minuti. Tagliare i broccoletti al coltello e unirli ai pomodorini in padella, salare e cuocere per qualche minuto. Cuocere gli spaghetti in acqua bollente, scolare al dente e saltare in padella con il condimento preparato. Finire con un giro d’olio e servire aggiungendo il pecorino a scaglie e i pomodorini messi da parte.... 05 Novembre 2010
Preparare circa un litro di brodo vegetale: mettere in una pentola con dell’acqua, una carota, un gambo di sedano, mezza cipolla e qualche foglia di prezzemolo, bollire per circa mezz’ora. Tagliare il porro in due parti e prenderne soltanto la parte bianca più tenera, quindi affettare finemente. Fondere il burro in una pentola dal fondo antiaderente e aggiungere il porro, lasciar stufare per qualche minuto. Lavare bene le cimette del broccolo (se ne trovate nella pianta anche le foglie, quelle più tenere), asciugarle e unirle al fondo di burro e porro. Saltare i broccoli per due, tre minuti, salare e aggiungere due mestoli di brodo vegetale caldo. Coprire e versare di tanto in tanto un mestolo di brodo, cuocere per circa venti minuti. A parte in un piattino preparare dei dadini di gorgonzola di circa un centimetro per lato. Frullare la zuppa di broccoli con un frullatore a immersione, aggiungere del brodo vegetale nel caso risultasse troppo densa. Versare la zuppa in quattro ciotoline, aggiungere i cubetti di gorgonzola e servire calda. Si accompagna bene con dei crostini di pane (meglio se a farina integrale).... 05 Novembre 2010
Sbucciate le patate e tagliatele a pezzetti. Aggiungete l'uovo, la farina e il sale e mescolate per bene. Preparate un impasto che non sia troppo denso ma neanche molle.
Ponderate la quantità di farina  aggiungendo un poco d'acqua se necessaria. Bollite l'acqua con 2 cucchiai di sale. Versate poi 2-3 cucchiai dell'impasto sul tagliare e utilizzate un cucchiaino per ritagliare gli halusky. Immergeteli nell'acuqa bollente.
Quando emergono in superficie, lasciateli nuotare per 1-2 minuti e poi prendeteli con uno scolino. Miscelate il brydza con il latte (o la panna acida). A parte, tagliate la pancetta a dadi e friggetela, meglio se nello strutto o con il burro.
Mantecate gli haluski con la salsa di brydza. Serviteli su un piatto, decorandoli con croccanti cubetti di pancetta.  ... 23 Giugno 2010
Fare un classico aglio olio e peperoncino con l’aglio in camicia, che in un secondo momento verrà tolto. A parte emulsionare la ricotta con un frullatore a immersione insieme a un po’ d’acqua di cottura. Scottare le cappesante in una padella di ferro.

Una volta cotta, scolare la pasta e mantecarla con la base di aglio olio e peperoncino, la ricotta, la metà della bottarga e le cappesante. Disporre la pasta nei piatti, completare con i pistacchi di Bronte tritati e la rimanente bottarga.

di Adriano Roscioli Roscioli
settembre'07
... 10 Marzo 2010
In una padella mettere dell’acqua, l’aglio schiacciato, il peperoncino e portare ad ebollizione. Unire gli spaghettoni, aggiungere il sale e cuocere in maniera “risottata”, cioè aggiungendo acqua bollente di tanto in tanto e facendo attenzione che a cottura ultimata la preparazione risulti cremosa.

Nel frattempo in un’altra padella mettere un po’ d’olio, portarlo a 160 gradi e friggere per qualche secondo il prezzemolo dopo averlo sfogliato, lavato e asciugato. Mantecare gli spaghettoni con l’olio fuori dal fuoco, disporli nei piatti e completare con il prezzemolo fritto.


di Adriano Baldassarre Il Tordo Matto
settembre'07
... 10 Marzo 2010
Tagliare i pomodori a dadini e cuocerli in un tegame con l’aglio e il peperone verde per circa 10 minuti; a fine cottura aggiungere il basilico e il prezzemolo. In un altro tegame imbiondire la cipolla nell’olio, aggiungere le sogliole e cuocere per circa 5 minuti avendo cura di girare i pesci delicatamente a metà cottura; a tre quarti di cottura sfumare con 2 dita di vino. Sfilettare le sogliole e unirle al pomodoro insieme alla salsa di cottura. Cuocere le linguine in acqua poco salata (la sapidità del piatto sarà data dai capperi e dal pomodoro verde), scolarle al dente e saltarle velocemente in padella. Servire in piatti caldi.

di Andrea e Maddalena Beccaceci Beccaceci
settembre'07
... 10 Marzo 2010

Copyright 2015
Gambero Rosso Spa
P.Iva06051141007, Italy
All Rights Reserved

EN edition | JP edition