Una pizzeria a taglio nel cuore della costa ionica: La Romana. Il miglior indirizzo per il cibo da strada in Calabria per la nostra guida Street Food, e propone pizza in teglia di qualità e calzoni d'autore.

La pizza a taglio è sottile e croccante, proposta in una sola versione. Insieme al calzone fritto. A firmare questa insegna che punta tutto sulla semplicità, e richiama lo stile capitolino, è la famiglia Maiorano che nel cuore di Crotone, nella parte orientale della regione, porta avanti da 35 anni una delle insegne più amate della città. È La Romana, storica pizzeria del luogo con un'offerta limitata ma irresistibile, incentrata solamente su due ricette. Oggi, rappresenta il miglior cibo da strada della Calabria secondo la guidaStreet Food d'Italia 2017. A raccontarci la storia, è uno dei tre fratelli, Ciro Maiorano.

Come nasce l'attività?

La pizzeria esiste dagli anni '60: era di proprietà di Carmine Trapasso, un bravissimo pizzaiolo del luogo che ha insegnato a me e i miei fratelli, Giuseppee Dionigi, a impastare, cuocere e friggere le pizze. Nel 1982 ha lasciato il locale e noi tre abbiamo deciso di rilevarlo e continuare così la tradizione.

Che tipo di tradizione?

Quella della pizza in teglia e soprattutto del calzone, nostra specialità.

Com'è fatto il calzone?

In maniera molto semplice, con i prodotti tipici della nostra terra: pomodoro, mozzarella, peperoncino piccante. L'impasto è leggero e viene fritto in olio bollente, che cambiano spesso per garantire igiene e qualità del prodotto.

E la pizza?

Impasto è molto sottile e croccante e, come condimento, solo una scelta: la Margherita.

Perché una sola?

Perché la Margherita è da sempre la pizza più apprezzata da italiani e stranieri, grandi e piccini. E il pomodoro e la mozzarella sono due ingredienti facilmente reperibili qui da noi e di grande qualità. Ci piace mantenere le tradizioni, non abbiamo intenzione di cambiare.

Nessuno si è mai lamentato dell'offerta limitata?

No, mai. Naturalmente, andiamo incontro alle varie esigenze alimentari della clientela: se una persona è intollerante al lattosio possiamo omettere il formaggio, così come il peperoncino per i bambini.

Come selezionate le materie prime?

Sono tutte locali. Acquistiamo pomodori e latticini da piccoli produttori della nostra zona, cercando sempre prodotti freschi e di giornata. Il peperoncino anche è, ovviamente, calabrese.Le farine invece sono de La Corticella, marchio di proprietà del Mulino San Giovanni.

Il prodotto di punta è il calzone. Quanti ne realizzati al giorno?

Fra i 700 e gli 800.

E di pizze?

Più o meno 100 teglie da 10 pezzi al giorno, quindi circa 1000.

Avete posti a sedere?

Pochi, qualche tavolino e un paio di sgabelli, ma è principalmente un locale da asporto.

Con queste quantità le file dovranno essere molto lunghe.

Sì, è vero. Ma i nostri clienti sono molto affezionati e aspettano volentieri. Il locale è di pochi metri quadri, per cui è impossibile servire tutti allo stesso momento.

Che tipo di clientela avete?

Solitamente del luogo, soprattutto studenti universitari, ma durante l'estate arrivano anche molti turisti. Tanti hanno letto della nostra pizzeria su riviste come il Gambero Rosso e altri siti specializzati e vengono da noi appositamente per provare i nostri calzoni.

Il successo, quindi, è stato immediato.

Il locale è storico ed era già noto prima che lo rilevassimo. Abbiamo continuato a portare avanti l'attività con successo: il pubblico ama i prodotti semplici e di tradizione, proprio come i nostri.

Quanti siete nel team?

5 in tutto, distribuiti fra sala e cucina.

Cosa offrite da bere?

Diverse tipologie di birre artigianali e poi bevande analcoliche. Niente vino.

Qual è la caratteristica più particolare del vostro calzone?

È “vrusciente”, come diciamo noi a Crotone. Ovvero caldo, bollente, il ripieno è a temperatura molto alta (bisogna attendere circa 15 minuti prima che si raffreddi!) e il gusto della farcia interna è piccante: i calabresi sono abituati a questo tipo di sapore.

Progetti per il futuro?

Al momento nessuno, siamo molto felici di come vanno le cose.

Qual è, secondo voi, il punto di forza dello street food?

Sicuramente la sua praticità ma anche il gusto, che richiama sempre i sapori di una volta e delle tradizioni di un luogo. Mette tutti d'accordo.

Consigliaci un ristorante dove andare a mangiare a Crotone.

So' Sazio, un ottimo locale dove poter gustare carne alla brace di prima qualità.

La Romana | via Louis Braille, 16 | 388 8876499 | www.facebook.com/pages/Pizzeria-Romana-Crotone

a cura di Michela Becchi

Guida Street Food 2017 del Gambero Rosso | Euro 6,50 | acquistabile in edicola, libreria e on line

Guida Street Food 2017 del Gambero Rosso. Ecco i risultati

Street Food d'Italia 2017. Valle d'Aosta: Sushiball di Courmayeur

Street Food d'Italia 2017. Veneto: Gourmetteria di Padova

Street Food d'Italia 2017. Friuli-Venezia Giulia: Mamm Ciclofocacceria di Udine

Street Food d'Italia 2017. Lombardia: La ravioleria Sarpi di Milano

Street Food d'Italia 2017. Emilia Romagna: Punto G di Piacenza

Street Food d'Italia 2017. Trentino Alto Adige: Briciole Food and Drink di Rovereto

Street Food d'Italia 2017. Marche: Il Furgoncino di Pesaro

Street Food d'Italia 2017. Umbria: Bacalino di Perugia

Street Food d'Italia 2017. Puglia: Piadina Salentina di Lecce

Street Food d'Italia 2017. Liguria: Moltedo di Recco

Street Food d’italia 2017. Abruzzo: Alla Chitarra Antica di Pescara

Street Food d'Italia 2017. Sardegna: Sebaderia Dulcinea di Nuoro

Street Food d'Italia 2017. Sicilia: Nino U' Ballerino di Palermo

Street Food d'Italia 2017. Molise: Maramimmo di Termoli

Street Food d'Italia 2017. Campania: Da Gigione di Pomigliano d'Arco