[caption id="attachment_92668" align="alignnone" width=""]http://med.gamberorosso.it/media/2013/02/333251_web.jpeg[/caption]

Quando si parla di cucina come forma d’arte, non è solo per l'estetica sempre più raffinata dei piatti. E nemmeno perché la nascita delle proposte gastronomiche è figlia di un processo creativo molto vicino a quello che conduce alla nascita di un lavoro d’arte. Si parla di arte anche perché

Pubblicità

la cucina è cultura e storia, e abbraccia senza sforzo tante realtà, in taluni casi molto distanti, facendo da amalgama. In questa storia c’è una location splendida, le Langhe piemontesi, un grande chef, Walter Eynard, un concept forte: un vero museo vivo in un borgo antico.

 

Marachella Gruppo, realtà piemontese del settore ospitalità, ha dato vita ad un progetto, Scrigno dell’Arte, che coinvolge il relais a quattro stelle Antico Borgo Monchiero.

Pubblicità

 

 

 

L’idea è di dar vita ad un art living hotel dove gli ospiti sono costantemente sorpresi da sculture, installazioni e performance in continuo sviluppo. Proprio nella piazza antistante il relais c’era lo studio di Eso Peluzzi, pittore divisionista, oggi trasformato in un museo dove sono conservate le sue opere. In questo contesto saranno presenti i lavori del belga Pascal Bernier, dell’inglese Rob Ward, dello spagnolo Victor Lopez Gonzalez, dei piemontesi Elio Garis e Gabriele Garbolino Rù, dell’americano Christopher Russell, dell’inglese Alana Lake e dello scozzese David Mach. L’intento è di valorizzare quest’area incentivando un turismo culturale.

Pubblicità

 

 

 

 

Okkay, ma dove si colloca la cucina in tutto ciò? Qui entra in gioco lo chef Walter Eynard. Dal primo febbraio e per tutti i week end del mese la struttura ospita “Giocando con le pentole”, incontri in cucina con una ciclo di corsi firmati dal famoso cuoco della Val Pellice. Il primo appuntamento è stato con gli antipasti (1-3 febbraio), si continua poi con i primi (8 febbraio), i secondi (15 febbraio), i dolci (22 febbraio), concludendo con i vini il primo marzo. È proprio a Monchiero Alto che lo chef  ha deciso di intraprendere la sua ennesima scommessa gastronomica, nelle cucine dell’Antico Borgo Monchiero dove si è appena trasferito.

 

Per capire davvero Eynard bisogna conoscere le sue radici che affondano profondamente nella Val Pellice, non lontano da Torino. I profumi e le forti emozioni che gli hanno sempre regalato queste montagne, lui le ha descritte con i suoi piatti, plasmando una filosofia di cucina legata al recupero delle sue sensazioni più intime e delicate. “Mi piace passeggiare e lasciarmi sedurre dal profumo del bosco” ci aveva raccontato Eynard qualche mese fa. Da queste poche parole si capisce molto dell’uomo, prima che del cuoco. Da queste suggestioni sono nati, tra gli altri, piatti come la trota cotta nella corteccia di larice ai sentori di sottobosco, i fiocchi di germogli di ortica, ovvero gnocchetti di farina e ortiche, il celebre carré di agnello cotto nel fieno di maggio, un ramo di pino che ispira la preparazione di un gelato.

 

La sua prima dimora culinaria è stato lo storico Flipot, a Torre Pellice, dove la sua curiosità e voglia di sperimentare sono germogliate, ma poi le pressioni della dining scene ha tolto serenità al suo estro e alla sua urgenza di artista dei fornelli. Ha quindi deciso di proseguire la sua ricerca sulle antiche ricette dei valdesi, coniugando le tradizioni della cucina di montagna e delle erbe locali (concetto che farà fischiare le orecchie a molti tra gli chef più in voga oggi a livello globale), ma lo ha fatto con La Crota dl’ours, ristorante molto più informale, sempre a Torre Pellice. Quindi è stata la volta del nuovo Flipot, questa volta ristorante su prenotazione, mentre oggi il viaggio è ripartito dall’Antico Borgo Monchiero, dove l’esperienza gastronomica è inserita in un habitat ricco di suggestioni, naturali e artistiche. Luogo di incontro tra cultura e natura, arte e territorio, sapori e saperi.

a cura di Alessio Noè
05/02/2013

 

Antico Borgo Monchiero
Località Monchiero Alto, 3 
12060 Monchiero (CN)
tel. 0173 792190
www.marachellagruppo.it