Forti grandinate nei periodi estivi e la difficile fioritura primaverile hanno determinato un abbassamento del 20% rispetto allo scorso anno, per quanto riguarda la vendemmia a Bordeaux in Francia. Ecco tutti i numeri e le considerazioni del presidente Civb. 
Pubblicità

Non sarà una grande vendemmia quella che sta per partire in Francia nella regione di Bordeaux, dove il Civb (Comité interprofessionnel des vins de Bordeaux) stima preliminarmente un calo del 20% rispetto all’anno scorso, pari a circa un milione di ettolitri. Le forti grandinate estive, che hanno provocato gravi danni in molte aree (Entre deux mers e Libournais su tutti), e una difficile fioritura nei mesi primaverili hanno determinato una situazione che, a una settimana dall’inizio della raccolta, preoccupa non poco i produttori transalpini, che hanno chiesto a gran voce l’intervento del governo. La raccolta complessiva dovrebbe aggirarsi sui 5,25 milioni di ettolitri. “Si tratta della peggiore campagna in termini di volumi dal 1991”, ha sottolineato il presidente del Civb, Bernard Farges. E si aggiunge a un 2012 caratterizzato da perdite importanti.

a cura di Gianluca Atzeni