L’evento in scena a Firenze dal 13 al 14 febbraio accoglierà 290 società d’importazione da 30 Paesi del mondo, rigorosamente selezionate a fronte di una richiesta molto più cospicua. Tra le novità il pacchetto all inclusive dedicato alla formazione delle imprese partecipanti, con corsi sull’export, focus tematici e assistenza doganale in fiera.
Pubblicità

Il milione di euro di contrattazioni B2B non appare distante. Per il Buy Wine 2015 (a Firenze dal 13 al 14 febbraio), più che un obiettivo è un traguardo a portata di mano, visto che, per l’evento che di fatto è considerato un’anteprima delle anteprime, nell’edizione 2014 il giro d’affari stimato è stato di circa 900 mila euro, con 5.200 incontri in due giorni.
Quest’anno avremo 290 società d’importazione da 30 Paesi per 308 buyer” dice a Tre Bicchieri la vice direttrice di Toscana Promozione, Silvia Burzaglicifre che sono frutto di una rigida selezione a fronte di un numero di richieste molto più alto“. Il workshop, che prevede anche nove tour sui territori, dal punto di vista organizzativo costa 830 mila euro: 500 mila di Toscana Promozione (agenzia della Regione) e il restante coperto con le quote di partecipazione di buyer (da 190 a 500 euro), consorzi (1.600 euro) e aziende che per il 98% si sono dette soddisfatte del precedente workshop.
Tra le novità 2015, il pacchetto “all inclusive” (con corsi sull’export, focus tematici e assistenza doganale in fiera) che consente alle imprese di partecipare e fare formazione: “Per aumentare la competitività non è sufficiente invitare importatori da tutto il mondo, ma è fondamentale fornire gli strumenti necessari per affrontare i mercati“, sottolinea Burzagli. Ci sarà, infine, un’area green: “L’abbiamo pensata visto il crescente numero di aziende bio, oltre 60, a Buy Wine; inoltre, siamo nell’anno di Expo e quest’area fa da ponte con l’evento milanese. Del resto, la Toscana, con 4.157 unità, è leader in Italia per numero di imprese iscritte all’Albo degli operatori biologici. E quest’area, in qualche modo, le vuole rappresentare“.

a cura di Gianluca Atzeni