Presentata a Torino la nuova guida di Gambero Rosso Torino e dintorni 2019, che raccoglie 557 indirizzi per mangiare, bere, acquistare, dormire. Disponibile in edicola, libreria e on line. Ecco i locali premiati.
Pubblicità

Torino

Da una parte una lunga tradizione gastronomica, con consuetudini che si fanno risalire alla corte sabauda, dall’altra un rapporto vivo con il territorio circostante, le realtà produttive d’eccellenza piemontesi (i grandi vini, la carne, le nocciole, il tartufo bianco) e una cultura rurale che ha tanto da insegnare. E poi l’attualità di una città in pieno fermento, in cui convivono cucina popolare – quella delle vecchie piole – con proposte d’avanguardia. Vagando da una parte all’altra del Po si incontrano format innovativi (basti pensare a Edit o al più recente Condividere nella Nuvola Lavazza), e pizzerie con una tradizione tutta locale, quella del padellino, ristoranti etnici (fate una passeggiata intorno Porta Palazzo) e tutto un contorno di wine bar, street food, birrerie (ma anche birrifici: in città e fuori in tanti si sono dedicati con successo alla produzione della birra), enoteche e cocktail bar (con nomi di grido del panorama della miscelazione come Mirco Turconi dall’alto di Piano 35 o Denis Zoppi allo Smile Tree).

E ancora le botteghe, le cioccolaterie, le pasticcerie e i caffè d’epoca, testimoni di una storia più o meno recente e in cui il tempo pare essersi fermato: Mulassano (dove sono stati inventati i tramezzini), Bicerin, Baratti e Milano, e poi Del Cambio con la sua Farmacia; locali d’atmosfera, che sanno dialogare con le insegne più moderne e lo spirito di oggi. Insomma: Torino ha dimostrato, negli ultimi anni, di saper reggere il confronto con destinazioni come Milano e Roma in quanto a vivacità della scena enogastronomica. Per questo inauguriamo, quest’anno, una guida dedicata proprio al capoluogo piemontese e ai suoi dintorni.

Il Gambero Rosso a Torino

Abbiamo deciso di aggiungere la guida Torino e dintorni ai nostri titoli perché crediamo che oggi i tempi siano maturi per un volume che racconti tutto il buono del capoluogo piemontese. Una città che conosciamo bene, dato che il Gambero Rosso è presente a Torino con una Città del gusto dal 2013: in questi cinque anni abbiamo registrato evoluzioni e cambiamenti all’ombra della Mole. Oggi possiamo raccontarli attraverso una guida che raccoglie 557 indirizzi in cui mangiare, bere, acquistare, dormire.

Pubblicità

Un volume realizzato in collaborazione con Turismo Torino e provincia e la Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino che accompagnerà turisti e torinesi nella scoperta dei locali migliori per una semplice pausa golosa in centro, per la spesa gourmet o una cena speciale. Tante sono le anime gastronomiche di Torino, altrettanti gli spunti presenti tra le pagine della guida disponibile nella doppia versione cartacea e – a partire da febbraio 2019 – digitale. Il volume sarà redatto anche in lingua inglese, proprio perché pensato anche per i molti stranieri che visitano la città; non a caso la Lonely Planet ha dichiarato Piemonte Best in Travel 2019, in vetta tra le mete imperdibili per il prossimo anno.

Grande la soddisfazione espressa anche dalla Sindaca Chiara Apppendino. “La Nostra Amministrazione è particolarmente attenta e impegnata a rafforzare l’immagine di Torino, in Italia e all’estero, quale destinazione turistica dal punto di vista culturale ed enogastronomico. Settori di eccellenza riconosciuti in tutto il mondo. La tradizione unita alla capacità di innovazione della cucina torinese si può incontrare sia nei numerosi locali storici – in passato ritrovo di intellettuali e politici – che custodiscono tradizioni in cui ritrovare i sapori e l’identità del nostro territorio, sia nelle recenti aperture di ex spazi industriali, riqualificati e trasformati in incubatori di food, nella scelta di chef stellati di proporre le loro ricette nella Città di Terra Madre – Salone del Gusto e negli innumerevoli eventi dedicati al cibo. In questo senso stiamo anche lavorando, in collaborazione con la Camera di Commercio, a un progetto che identifichi Torino come ‘Capitale del Gusto’ per intercettare i desideri di una crescente parte di mercato legata alla food economy e alle tradizioni locali. La Guida Gambero Rosso, accompagnando i turisti in una food experience a 360 gradi nel nostro territorio, costituisce un tassello importante nello sviluppo di questo progetto”. Extreme fetish video Shitting girls on the toilet and outdoors. Domination Scat mistress shit face slaves. All videos can be watched site ScatNude.com There are many categories on the site: Amateur Scat, BDSM Scat, Ebony Scat, Group Scat, Japan Scat, Lesbian Scat, Mature Scat, Scat Movies, Scat Sex, Scat Slave, Solo Scat, Toilet Scat. Have fun watching.

foto di Alessandro Lercara

I premi

Le migliori Due Forchette – con una valutazione di almeno 85 centesimi

Pubblicità

Combal.Zero (Rivoli) 89

Ristorante Del Cambio 88

Dolce Stil Novo alla Reggia (Venaria Reale) 87

La Credenza (San Maurizio Cavanese) 85

Trattoria Zappatori (Pinerolo) 85

Magorabin 85

Tre Gamberi

Il Consorzio

Le novità dell’anno

Bstr8

Chiodi Latini New Food

Condividere

Etiko Bistrot

Miglior Servizio di Sala

Spazio 7

Miglior Proposta al bicchiere al ristorante

La Gallina Scannata

 

Torino e dintorni 2019 – 8 € – 112 pp. – disponibile in edicola e in libreria o acquistabile online

    


Si ringrazia