NetAddiction acquisisce Dissapore. Massimo Bernardi ne resta socio e direttore editoriale. E ora?

27 Apr 2015, 10:03 | a cura di Livia Montagnoli
Il noto blog gastronomico segue la nascita di iFood, piattaforma che dà voce a 200 food blogger italiani, e concretizza la strategia di posizionamento nel settore del food di NetAddiction, già leader nel settore dell'informazione online. La soddisfazione di Massimo Bernardi.
Pubblicità

Qualcosa era già nell'aria, e l'avevamo anticipato qui parlando della rottura tra Dissapore e Scatti di Gusto. Il divorzio editoriale tra Massimo Bernardi e Vincenzo Pagano faceva infatti presagire nuove strategie di riposizionamento di due dei blog più significativi a livello nazionale nel settore del food, che se per Scatti di Gusto coincidevano, nelle intenzioni di Pagano, con il riappropriarsi di una dimensione più intima e narrativa, per Dissapore hanno finito per traghettare verso l'inizio di una nuova avventura con nuovi partner. NetAddiction nella fattispecie.
Anche del network italiano che dal 1999 lavora nel mondo dell'informazione online (e non solo) avevamo già sentito parlare, proprio qualche tempo fa, per il lancio sul web di IFood.it, innovativo aggregatore di food blogger italiani (circa 200 confluiti dal gruppo Bloggalline), ideato per razionalizzare un fenomeno – il food blogging - rapidamente trasformatosi in mestiere con tutti i crismi del caso.
Ora NetAddiction ufficializza l'acquisizione di Dissapore, confermando l'intenzione di posizionarsi prepotentemente nel settore del food. Massimo Bernardi ne resta socio e direttore editoriale, ruolo che detiene dal 2009, quando Dissapore fece il suo esordio in rete, proponendosi come modello italiano per l'editoria gastronomica online. E oggi si dichiara soddisfatto dell'accordo raggiunto, anticipando la strategia dei prossimi tempi: “Nuovi temi e contenuti originali, lo sviluppo del sito Spigoloso come guida ai ristoranti, produzioni video e più collaborazioni: grazie all’accordo con NetAddiction, Dissapore diventerà, ancora più di oggi, un’abitudine quotidiana per appassionati di cibo e addetti ai lavori, ristoratori, giornalisti, produttori, opinion leader e lettori che amano l’ironia e lo stile di scrittura irriverente”.

cross linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X