Coniglio fritto

In sintesi

Difficoltà: Facile
Portata: Secondi
Piatto regionale: Toscana

Preparazione

ricette di Caterina Vienni del ristorante Giovanni da Verrazzano di Greve in Chianti

Se necessario, svuotate il coniglio, scartare la testa e dividerlo in due nel senso della lunghezza quindi da ogni metà ricavare otto piccoli pezzi: tre dalla coscia, tre dal dorso e due dalla spalla. Lavarli sotto l’acqua corrente per togliere eventuali schegge di ossa e asciugarli. Battere le uova in una ciotola, infarinare abbondantemente i pezzi di coniglio, immergerli nell’uovo battuto e mescolare bene. Se possibile, far riposare per una mezz’ora in modo che la farina si imbeva bene.

Scaldare abbondante olio nella padella e quando è ben caldo calare la metà dei pezzi di coniglio. Dopo un paio di minuti, abbassare leggermente la fiamma (non al minimo), in modo che possano cuocere bene anche internamente e friggerli per cinque-sei minuti per parte fino a quando avranno preso un bel colore oro scuro. Scolarli, passarli su un doppio foglio di carta da cucina. Servire il coniglio caldo o tiepido, spolverato di sale.

  • Abbonati a Premium
      [polylang]
    X
    X