Una delle prime aziende lombarde a puntare sul biologico, Gamba propone due linee di salumi: convenzionale e certificata “organic”. La sua cifra: i salami e i prodotti aromatizzati.

Oltre 100 anni di salumi. Il passato...

Quella dell'azienda Gamba è una storia secolare. Nel 1880 Giovanni Battista apre una macelleria con osteria annessa. “Un po' quello che si sta riscoprendo oggi e che un tempo era normale” spiega Claudia, pronipote del fondatore dell'azienda, nuova generazione in carica nell'azienda di famiglia, prossima ad accogliere la nuovissima “si sceglieva la carne e si cucinava al momento”. Poi il testimone passa ad Edoardo, il nonno di Claudia, che comincia a produrre salumi in quantità importanti, fino ad arrivare alle dimensioni attuali, con 20 dipendenti. Ma ancora con la voglia di cambiare e di proporre salumi dal produttore al consumatore. Le tante certificazioni bio e di qualità testimoniano il sempre rinnovato sforzo della famiglia Gamba nella valorizzazione dei prodotti tipici e naturali. Ciò vuol dire attenzione alla selezione delle materie prime, rispetto della filiera corta e del km zero, ecosostenibilità (fotovoltaico e uso di detergenti biodegradabili) e pazienza, seguendo i tempi necessari per stagionare.

… il presente e il futuro

Abbiamo tante idee per il futuro prossimo, dai nuovi abbinamenti con le spezie agli utilizzi diversi dei locali. Ma sempre mantenendo i nostri standard qualitativi”. Standard molto alti. I salumi Gamba della linea biologica sono privi di additivi e conservanti, e provengono da animali che vivono all'aperto tutto l'anno e hanno diversi metri quadrati a disposizione, “cosa non così scontata: molti allevamenti biologici sono intensivi a scapito della qualità della carne e soprattutto del grasso. E la differenza si sente” precisa Claudia. Riguardo alla linea convenzionale, i salumi sono realizzati con carni provenienti da allevamenti tradizionali ma di filiera corta lombarda, quasi tutti preparati senza additivi, nitrati e nitriti: solo carne, sale e spezie. L'azienda Gamba fa parte di Biolife, rete di produttori biologici e d'eccellenza regionale, creata per unire le energie e offrire ai consumatori una gamma completa di prodotti alimentari.

Salumi “in Gamba” in due linee

Di base le due linee sono simili riguardo alle tipologie di salumi, “ma poi si declinano secondo le esigenze dei clienti”. Un ampio assortimento tra crudi, cotti e da pentola, freschi e stagionati, di puro suino, di selvaggina, di carne bovina, equina e di asino. Per tacere dei pronti da cuocere, in vendita come tutti i prodotti Gamba nello spaccio aziendale fresco di restyling. Ci sono le bresaole di manzo e di cavallo, le slinzeghe di carne bovina, equina e anche di suino, le pancette tese e arrotolate, i guanciali e il lardo.
Ma la cifra di Gamba è rappresentata da una bella gamma di salami, salamini e salametti, i prodotti di punta e più identificativi dell'azienda norcina di Villa d’Almè, e dai salumi aromatizzati ai sapori innovativi e spiazzanti, che ormai sono diventati dei classici aziendali. Come il salame fatto con il Branzi, un formaggio di montagna della Val Brembana, inserito sia nell'impasto della carne sia al posto dei lardelli, la salsiccia piccante al finocchietto, i salametti alla vaniglia, allo zenzero o alla cannella, al Marsala o al vino passito, al tartufo, al cumino o ai fiori di sambuco, al pomodorino secco e origano. Oppure il lardo condito con sale himalayano e zucchero mascobado, i guanciali decorati alla nocciola, pistacchio o mandorla, la slinzega all'origano. “E tante altre cose sulla strada della speziatura, anche per l'estero, per quanto riguarda taglia, misura e tipo di aromatizzazione, come lo strolghino alle scorze d'arancia fatto per un cliente tedesco”.

L'analisi sensoriale

La slinzega di manzo, realizzata con le rifilature della bresaola, è il fiore all’occhiello dell’azienda: l'ottima materia prima e una lavorazione a regola d'arte affiorano dalle perfette, pulite sensazioni espresse dalla fetta, irregolare e di un convincente rosso bordeaux. Alla bocca è tenace ma masticarla è un piacere, perché morso dopo morso la carne rilascia sentori diversi, in un climax di sensazioni che pare inesauribile. Noce moscata, cannella, chiodo di garofano, frutta essiccata (albicocca), fino all’anice, al cuoio e al tabacco: un prodotto di rara fattura, ma non solo per intenditori. Anche la slinzega “sale e pepe” è un'esperienza gastronomica. Un prodotto rustico ma elegante, dal bell'equilibrio rotondo tra la delicatezza e l'aromaticità complessa ed evoluta al naso in bocca, con esuberanti note speziate e vegetali dolci e sentori di cuoio. Texture un po' gommosa e tenace ma è la sua cifra. Altra sorpresa positiva è la salsiccia “bio piccante”. Al naso e in bocca paprika, peperoncino, cannella in grande evidenza, temperate dal grasso, scioglievole e di ottima qualità, con un lungo retrogusto di finocchietto che pulisce la bocca e la prepara alle fette successive.

Edoardo Gamba | Villa d’Almè (BG) | via G. Mazzini, 105 | tel. 035 541 126 | www.salumificio.it


la prossima settimana:
Cellito – Morigerati (SA)


a cura di Mara Nocilla


ACQUISTA LA NOSTRA GUIDA “GRANDI SALUMI” CLICCANDO QUI

Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Lovison: musetto e non solo. Un protagonista della salumeria friulana clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Giovanni Bazza: l'estremista degli insaccati naturali, crudi e cotti clicca  qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Coradazzi: il prosciutto San Daniele home-made clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Fattorie del Tratturo: Luigi Di Lello, l'ambasciatore della ventricina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Vecchio Varzi: sinonimo di salame nobile clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Rosa dell'Angelo: il suino nero e i salumi gourmet in vaschetta clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. La Paisanella: filiera chiusa in nome del suino dei Nobrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Villa Caviciana: dalla Germania al Viterbese sulle tracce del suino nero clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Savigni: norcineria di frontiera tra Toscana ed Emilia Romagna clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Devodier: l'aristocrazia del prosciutto di Parma clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Meggiolaro:salumicotti al naturale clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Masè: da oltre 140 anni i cotti della tradizione triestina clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Belli: lo speck da 6 generazioni clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Antica Corte Pallavicina: nel regno dei fratelli Spigaroli e del culatello di Zibello clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Squizzato: dal 1952 la tradizione veneta della maialata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. La Granda: dalle carni di razza piemontese ai salumi tipici cuneesi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Larderia Fausto Guadagni:l'oro bianco di Colonnata clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. F.lli Borrello: elogio del suino nero dei Nebrodi clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. S. Ilario: alla ricerca del Parma perfetto clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Thogan Porri: l'artigiano del Varzi, l'aristocrazia del salame nell'Oltrepò Pavese clicc aqui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Dok Dall'AVa: la verticale dei prosciutti cru clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Adriano Ferrari, l'ambasciatore della 'nduja e del suino nero di Calabria clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. I Salumi di Martina Franca: capocollo come tradizione comanda clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Ruliano: un prosciutto di Parma fuoriclasse clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Cerati: la forza della filiera chiusa clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Rinascimento a Tavola: insaccati e biscotti delle corti cinquecentesche clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Simone Ferraro: una bresaola unica clicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Boscacci: la bresaola di Bormioclicca qui
Per leggere Grandi Salumi d'Italia. Urbevetus: salumi di porco cinturello nella campagna orvietana clicca qui
 


Altre Foto