L'area del Chianti Classico candidata a “Wine Region of the Year” per Wine Enthusiast

6 Set 2014, 13:57 | a cura di Livia Montagnoli
Il Gallo Nero se la vedrà con Champagne, New York State, Red Mountain (Washington) e Sonoma Coast (California), la cinquina selezionata dalla nota rivista americana. I risultati a dicembre.
Pubblicità

Champagne, New York State, Red Mountain (Washington), Sonoma Coast (California) e Chianti Classico (Toscana). E' questa la cinquina tra cui la rivista americana Wine Enthusiast sceglierà la Miglior regione vinicola del 2014. Il territorio del Gallo Nero, distretto da oltre 600 milioni di euro di fatturato con un valore della produzione vinicola imbottigliata di 360 milioni, incassa una lusinghiera motivazione nella candidatura: "Il Chianti Classico, la più famosa denominazione Toscana, sta vivendo un grande rinascimento. Questa rivoluzione di qualità si è concretizzata in prodotti di altissimo livello con valori incredibili, mentre gli investimenti nella ricerca clonale, la gestione dei vigneti e il marketing hanno creato una rinnovata vitalità nell’intera zona di produzione".
"Venire selezionati come simbolo di dinamismo e modello di intraprendenza nel settore enologico a livello mondiale" dice Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio che raggruppa 560 soci "è il giusto coronamento del nostro lavoro e un premio alla compattezza sociale, alle scelte coraggiose e intelligenti intraprese insieme negli ultimi anni, a partire dalla Gran Selezione, alla rivisitazione del sistema di certificazione di qualità fino all’importante restyling del nostro simbolo del Gallo Nero". Tra le ultime iniziative avviate dal Chianti Classico: l’apertura di un’enoteca nel Mercato centrale a Firenze, l’inaugurazione di un centro polifunzionale a Radda in Chianti, la Chianti Classico House, che ospita corsi di formazione sul vino per esperti e neofiti.
I vincitori verranno annunciati nel numero speciale della rivista in edicola a fine dicembre. La premiazione si terrà nell’ambito di uno speciale Gala dinner, a New York, a gennaio 2015.

A cura di Gianluca Atzeni

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram
X
X