La creatura di Edoardo Papa, nota nel panorama capitolino per le degustazioni di pizza gourmet, si rinnova in vista della riapertura dopo la pausa estiva, a cominciare dal nome. Qualche tavolo in meno, il benvenuto dello chef secondo stagionalità e una varietà di predessert preparati in casa. Ma anche nuove pizze da scoprire.
Pubblicità

Non più la Fucina, pizzeria a degustazione, ma In Fucina, il ristorante che ama la pizza. Si presenterà così stasera alla riapertura dopo la pausa estiva La Fucina di Edoardo Papa, l’unica pizzeria a degustazione della Capitale. Una semplice sfumatura? No, molto di più nella testa del suo artefice che in fondo ha sempre considerato il suo locale una “pizzeria per caso”.
Il disco di pasta, pur fondamentale e degno delle migliori cure, nella testa di Edoardo è sempre stato un supporto, una base sulla quale poggiare ad arte degli insoliti mix di ingredienti per dar vita a dei veri e propri piatti. Come considerare ad esempio, calamaretti, burrata e aceto balsamico? E allora tanto valeva spingere l’acceleratore fino in fondo e far nascere il ”ristorante della pizza”.
Cosa cambia da stasera? Qualche tavolo in meno, servizio sempre più curato, l’inserimento del benvenuto dello chef che varierà a seconda della stagione (si parte con frittelle di pasta di pizza farcite con salsa di pomodoro fredda) e del predessert, piccoli assaggini di dolci tutti rigorosamente preparati in casa. Qualche nuova pizza in anteprima? Quasi impossibile sapere cosa ci sarà in carta. Tutto dipende dai prodotti che i fornitori di fiducia consegneranno nelle mani dello chef Edoardo. Stando alla stagione e a qualche rumors potrebbero fare il loro ingresso trionfante porcini e ovoli spettacolari e allora pensate che pizze, ops che piatti!

A cura di Laura Mantovano

In Fucina | Via Giuseppe Lunati 25/31, Roma | tel. 065593368 | www.pizzerialafucina.it

Pubblicità